Educazione dei bambini

Pagina 1 di 10 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Andare in basso

Educazione dei bambini

Messaggio Da Martinamarina il Mer Lug 27, 2011 12:39 pm

sincro panic dal topic dell'allattamento prolungato
rispondo qui


cinzia ricordati che dietro un effetto c'è sempre la causa...troppo semplicistico etichettare come capriccio
se ti interessa una visione un po' diversa: http://www.nontogliermiilsorriso.org/drupal/
avatar
Martinamarina

Numero di messaggi : 826
Età : 27
Data d'iscrizione : 30.07.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Cinzia il Mer Lug 27, 2011 12:49 pm

Quale articolo devo leggere per la precisione?
Aspetta,io per capriccio mica intendo il pianto in se,anche perchè prima di dire che è capriccio,bisogna capire che c'è dietro quel pianto...qui sono d'accordo,ci mancherebbe.

Guarda,io di capricci ne ho visti tanti,dimmi se per te non lo sono:

-bambino al supermercato che urla e prende a calci la madre perchè vuole un nuovo gioco

-bambina che si sbatte a terra urlando e battendo i pugni sul pavimento perchè la mamma non ha messo le mutande che voleva lei.

-Bambino che piange e si dispera per avere il gioco dell'altro bambino per poi mollarlo appena ottenuto...

E tanti tanti altri...
Per me molto di questi bimbi lo fanno come sfogo perchè si sentono trascurati,non ascoltati o cose simili...
Altri lo fanno perchè non gli è mai stato posto un limite,che so,chiedono una cosa istericamente e gliela si da...è sbagliato e alla fine capiscono che possono avere le cose con la prepotenza,vuole una cosa?ok,ma te la do quando ti calmi e me la chiedi normalmente.

Ho fatto la babysitter e credimi che ci sono bambini classificati dai genitori tremendi,maleducati,uno addirittura prendeva gli attrezzi da lavoro del padre e rompeva tutto...beh,quelli non erano capricci,ma mancanza di attenzione da parte dei genitori,con me era un angelo,e tra l'altro un bambino molto intelligente e sensibile..
avatar
Cinzia

Numero di messaggi : 3341
Età : 34
Data d'iscrizione : 21.07.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da LucyintheSky il Mer Lug 27, 2011 12:56 pm

Beh Cinzia, probabilemte allattare un bambino oltre l'anno fa parte proprio di quelle attenzioni di cui lui necessita, e senza le quali magari a lungo andare diventerebbe il bambino urlante del supermercato!
avatar
LucyintheSky

Numero di messaggi : 7892
Età : 36
Data d'iscrizione : 29.05.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Martinamarina il Mer Lug 27, 2011 1:07 pm

Andrebbe letto tutto il sito e il forum
Guardate, ad esempio come è bello l'alfabeto del sorriso! http://www.nontogliermiilsorriso.org/drupal/editoriale/20-novembre-anniversario-dei-diritti-dellinfanzia-e-delladolescenza-lalfabeto-del-sorriso
é un lavoro che va fatto giorno per giorno. Quando un bambino prende a calci la madre, non è un capriccio e non si può trovare neanche una soluzione immediata degna di essere chiamata tale.
Andrebbe fatto tutto un lavoro dietro di recupero, di recipro rispetto e di empatia, che deve partire proprio dai genitori ...molto spesso ci fermiamo solo all'apparenza, bisognerebbe scavare bene a fondo e scoprire cos'è che non va.
avatar
Martinamarina

Numero di messaggi : 826
Età : 27
Data d'iscrizione : 30.07.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Cinzia il Mer Lug 27, 2011 1:12 pm

No Lucy,ti prego,mo non diamo tutte le colpe all'allattamento
Dato che si parlava di ricerche scientifiche,sono certa che nessuno contempla questa cosa!
Anzi,per me questo è un po togliersi qualche responsabilità da parte dei genitori...

ti metto una frase di una ragazza che ha studiato psicologia e ha fatto la tesi sull'allattamento e brevemente ha spiegato un passo così:

i vantaggi dell'allattamento prolungato sono innegabili dal punto di
vista "medico" perchè attraverso il latte passano gli anticorpi, ma è
anche vero che molte madri con l'allattamento esercitano un controllo
molto forte sul bimbo nel senso che tendono a mantenerlo sempre piccolo
(ha ancora bisogno del latte)a non dargli autonomia sopportando di
vivere notti insonni e capricci, avendo però la consolazione di avere il
bimbo sempre lì. questo del punto di vista psicologico è un male per
entrambi.


Da questa frase sembra un po il contrario ;)
Però io sono per le vie di mezzo,una cosa non è nera o bianca...
avatar
Cinzia

Numero di messaggi : 3341
Età : 34
Data d'iscrizione : 21.07.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da coccinella il Mer Lug 27, 2011 1:17 pm

secondo me però ci sono anche altri fattori da considerare...l'unico esempio che ho sotto gli occhi di allattamento prolungato (e co-sleeping) è una bambina di quasi 4 anni...quando usciamo in compagnia e ci sono anche altri bambini, lei non è assolutamente in grado di rapportarsi a loro...piange di continuo, li picchia selvaggiamente cyclops, le vengono le crisi di nervi per le cose più banali, tipo se un altro bambino le mostra la lingua Shocked .
però ha anche una situazione familiare abbastanza disatrosa, quindi non posso dire che queste attenzioni materne siano la causa di questo suo comportamento, tantomeno che siano servite a metterla al riparo dalle conseguenze dei litigi tra i genitori.
l'altro esempio sarebbe il mio compagno, allattato anche lui a oltranza, bambino triste e violento...ma anche qui la situazione familiare era tragica, quindi non ho proprio nessun esempio a cui fare riferimento.
un'altra riflessione che ho fatto è che secondo me autonomia e sicurezza non vanno necessariamente di pari passo...io non sono stata allattata, e mia madre era piuttosto risicata con le coccole (penso più per una sorta di timidezza che altro)...beh, io fin da bambina sono stata estremamente autonoma...ma anche profondamente insicura, soprattutto nei rapporti con gli altri. quindi non credo che un bambino che sa cavarsela da solo sia automaticamente felice o "sano".
avatar
coccinella

Numero di messaggi : 2801
Età : 39
Data d'iscrizione : 17.12.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Cinzia il Mer Lug 27, 2011 1:26 pm

Martinamarina ha scritto:Andrebbe letto tutto il sito e il forum
Quando un bambino prende a calci la madre, non è un capriccio e non si può trovare neanche una soluzione immediata degna di essere chiamata tale.
Andrebbe fatto tutto un lavoro dietro di recupero, di recipro rispetto e di empatia, che deve partire proprio dai genitori ...molto spesso ci fermiamo solo all'apparenza, bisognerebbe scavare bene a fondo e scoprire cos'è che non va.


Ok,piano piano lo leggerò tutto ;)

Comunque,forse stiamo dicendo la stessa cosa,solo che io la chiamo capriccio,e tu in un altro modo ;)



Si coccinella,infatti non si può generalizzare,ogni situazione come hai dimostrato è a se...anche se in tutto quello che hai raccontato,mi pare ci sia una costante,ovvero problemi dei genitori a rapportarsi con i bambini...
avatar
Cinzia

Numero di messaggi : 3341
Età : 34
Data d'iscrizione : 21.07.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Elisina il Mer Lug 27, 2011 1:45 pm

In quello che ha raccontato Coccinella, nello specifico, mi pare che ci sia una difficoltà dei genitori nel rapportarsi fra loro, nel gestire in modo civile divergenze ed eventualmente una separazione... e questo sì, va decisamente a disturbare uno sviluppo armonico e la serenità dei bambini, e forse a riversare su di loro pesi che a loro non competono (come quello di "tenere unita" la famiglia, ad esempio).
Di certo non è l'allattamento o dormire insieme, la causa queste problematiche.
avatar
Elisina

Numero di messaggi : 8702
Età : 41
Data d'iscrizione : 22.05.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da coccinella il Mer Lug 27, 2011 1:51 pm

infatti, spero di non essere stata fraintesa. volevo solo dire che non posso più di tanto esprimermi perchè gli unici due casi che ho presenti erano disturbati da altri fattori
avatar
coccinella

Numero di messaggi : 2801
Età : 39
Data d'iscrizione : 17.12.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Tweetier il Mer Lug 27, 2011 2:12 pm

coccinella ha scritto:un'altra riflessione che ho fatto è che secondo me autonomia e sicurezza non vanno necessariamente di pari passo...io non sono stata allattata, e mia madre era piuttosto risicata con le coccole (penso più per una sorta di timidezza che altro)...beh, io fin da bambina sono stata estremamente autonoma...ma anche profondamente insicura, soprattutto nei rapporti con gli altri. quindi non credo che un bambino che sa cavarsela da solo sia automaticamente felice o "sano".

Condivido pienamente questa riflessione, perchè io stessa l'ho fatta spesso.
E' più semplice insegnare ad essere autonomi che ad essere sicuri, perchè la sicurezza di sè dipende davvero una varietà di fattori ampissima.
Sto cercando di insegnare ai miei figli l'autonomia responsabilizzandoli nelle cose di tutti i giorni, dal vestirsi (anche se talvolta il risultato è un po'... futurista...! tongue ), al mangiare, al riordinare i giochi, ad imparare anche a giocare da soli, perchè non è detto che si abbia sempre una piena attenzione da dedicare loro. Alcune volte temo di responsabilizzarli troppo, ma, immagino come tutte voi, ho una casa da pulire, una famiglia per la quale cucinare, un lavoro...
Per quanto riguarda la sicurezza di sè si fa quel che si può...! In parte è anche una questione caratteriale, ma forse giovano molto, oltre ad un ambiente familiare sereno, la predisposizione dei genitori al dialogo e all'ascolto, la qualità del tempo che si passa con i figli, la capacità dei genitori di renderli partecipi del mondo, senza farli sentire dei marmocchi.
I capricci esistono e sempre esisteranno. Il capriccio è bambino!
E separerei il capriccio dall'isterismo puro, del quale mi pare si stia parlando, potrando alcuni casi limite.
avatar
Tweetier

Numero di messaggi : 288
Età : 34
Data d'iscrizione : 24.06.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da mononoke il Mer Lug 27, 2011 3:13 pm

Tweetier ha scritto: dal vestirsi (anche se talvolta il risultato è un po'... futurista...! tongue )



comunque, a proposito di questa distinzione autonomia/sicurezza,
mi è venuta in mente la distinzione che fa Jesper Juul nel libro "il bambino è competente", che è analoga:
cioè noi confondiamo fiducia in se stessi con autostima, ma le due cose sono distinte.
la prima è la convinzione di avere buone capacità di fare determinate cose e di superare delle difficoltà (che ne so: riuscirò a vincere la gara di atletica, ce la posso fare!), di questa spesso molti di noi dispongono in buone quantità
la seconda è la convinzione di possedere un valore intrinseco come esseri umani, a prescindere da ciò che facciamo e dai risultati che otteniamo nella vita, e di questa invece socialmente abbiamo una deficienza cronica, tanto che i fallimenti sono spesso anche degli sfaceli umani.
Secondo lui l'autostima si acquisisce solo grazie all'amore genitoriale quando si è piccoli, e non si può più di tanto recuperare da adulti. L'amore genitoriale incondizionato, però. Quello che ti fa sentire che qualunque cosa tu faccia, anche comportamenti fastidiosi o insuccessi, la relazione con i tuoi genitori è solida e il loro amore verso di te inintaccabile.
L'ho letto tanti anni fa e non so se il riassunto sia proprio letterale, ma il concetto è circa questo.
Poi ho letto "i vostri figli hanno bisogno di voi" in cui Gordon Neufeld riprende la teoria dell'attaccamento in termini concreti relazionali e mi sono convinta di ciò al 1000 per 1000.
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1466
Età : 39
Data d'iscrizione : 16.06.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da nike il Mer Lug 27, 2011 3:21 pm

Un bambino che prende a calci la mamma, urla buttandosi a terra e simili è un bambino che non viene contenuto e a cui non vengono dati dei limiti sicuri. L'esempio del supermercato, per dirne una: un bambino, poniamo del primo settennio, non dovrebbe essere portato al supermercato, non è un luogo adatto, troppi stimoli, troppo caos. Ma possiamo essere obbligati a farlo. Ipotesi uno: non posso fare altro, ma ne sono consapevole, cerco di fare le cose più in fretta possibile, mi tengo il bambino più vicino possibile, sorvolo sui reparti che non mi servono e che possono essere troppo per lui, e so che gli sto chiedendo molto, metto in atto semplicemente strategie che velocizzino il tutto; se fa un capriccio so che non ce la fa più, un po' sopporto, un po' contengo, ed esco più in fretta possibile. Ipotesi due: non so bene come gestire la cosa, mi ci sento un po' in colpa ma forse no, forse non lo so, e prima o poi quando lui inizia a dare i primi cenni di disagio gli compro qualcosa (vd. cerco di comprarlo con qualcosa) e creo un circolo vizioso. La miglior gestione dei capricci è evitare situazioni che li creino, che non vuol dire impedire ai bambini di vivere la frustrazione, vuol dire che se so che la mia amica diventa isterica se metto la musica a tutto volume quando c'è lei non lo faccio, stessa cosa con i bambini, se so che una festa da McDonald con mille bambinipatatineanimatorimusica li rende isterici non li porto alla festa!
avatar
nike

Numero di messaggi : 5591
Età : 46
Località : Toscana
Data d'iscrizione : 11.06.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Cinzia il Mer Lug 27, 2011 3:27 pm

Nike,interessante,anche questo è vero..
Dipende sempre dall'energia del bambino poi,c'è quello che si agita subito e quello che sta buono buono.
Io ricordo che da piccola uscivo con mia sorella e mamma a fare la spesa e non le chiedevo mai nulla di nulla,e tutti si stupivano di quanto io e la mia gemella fossimo educate..
avatar
Cinzia

Numero di messaggi : 3341
Età : 34
Data d'iscrizione : 21.07.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da eni il Mer Lug 27, 2011 9:04 pm

Nike il tuo discorso è interessante, ma non sono d'accordo, o quanto meno non è un metodo che metterei in pratica. Sempre che io non abbia capito male quello che intendi ( e se così fosse ti chiedo scusa in anticipo) il tuo suggerimento, secondo me, non aiuta ad educare il bambino a non essere a disagio e a sapersi comportare, ma aiuta solo il genitore a non trovarsi in situazioni in cui perdono il controllo del figlio. Quello che voglio dire è che l'esempio amica-musica è l'esempio di una forma di fastidio nei confronti dell'amica, mentre non capisco cosa possa dare fastidio ad un bambino che si trova in una festa con altri bambini, se non il suo non sapersi rapportre con gli altri mola timidezza o la mancanza di attenzione dei genitori. Quello che voglio dire è che in ogni caso il bambino non può imparare a comportarsi senza fare esperienza e senza che il genitore trovi il modo di fargli capire come si vivono certe situazioni. Bisogna avere pazienza, e riuscire a trasmettere le regole specifiche affinchè il bambino impari a comportarsi bene in ogni situazione (cosa poi che nom è sempre e del tutto possibile ottenere dato che parliamo comunque di bambini! Non sempre ci comportiamo bene noi adulti, figuriamoci loro).
Secondo me quindi la teoria che dici tu è controproducente, voglio dire, se come dici nom porto mio figlio al super fino ai 7 anni perchè ha troppi stimoli, non è che avendo 7 anni (ed essendo quindi più capace di controllarsi) non avrà più questi stessi stimoli, anzi credo che essendo più consapevole e trovandosi in una situazione a lui completamente nuova starà più male... Invece, sopportando qualche calcio e qualche strillo, imponendo delle regole, chi prima chi poi impara a comportarsi.
avatar
eni

Numero di messaggi : 1000
Età : 33
Località : Livorno
Data d'iscrizione : 17.05.08

Visualizza il profilo http://eniroom.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Leila il Mer Lug 27, 2011 9:17 pm

="eni"Secondo me quindi la teoria che dici tu è controproducente, voglio dire, se come dici nom porto mio figlio al super fino ai 7 anni perchè ha troppi stimoli, non è che avendo 7 anni (ed essendo quindi più capace di controllarsi) non avrà più questi stessi stimoli, anzi credo che essendo più consapevole e trovandosi in una situazione a lui completamente nuova starà più male... Invece, sopportando qualche calcio e qualche strillo, imponendo delle regole, chi prima chi poi impara a comportarsi.

io non credo invece che sia così..un bimbo di 7 anni ha un bagaglio completamente diverso da uno di due o di tre o di quattro..ha già avuto rapporti e confronti con situazione ben più stressanti del supermercato e questo, quindi, diventa un luogo adatto anche a lui, perchè non più fonte di stress proprio per le qualità di adattamento sviluppate nel frattempo.

Quando vedo bimbi o sento racconti di bimbi che fanno cose apparentemente assurde, tipo buttarsi dal letto di testa perchè la mamma ha messo le mutande viola (cito un es. fatto qua), io nn mi dico quanto è cattivo e capriccioso questo bimbo", ma mi chiedo chissà quale messaggio vuole far arrivare alla mamma questo "povero" bimbo, perchè arriva a tanto per farsi vedere, notare, ascoltare, anche odiare, ma basta che gli si dia retta...che tipo di non ascolto è abituato a sopportare per arrivare a simili gesti, che scarso linguaggio ha maturato con i propri genitori...

perchè sennò credere davvero che un bimbo sano che fa una cosa del genere lo faccia per masochismo? cattiveria? capricciosità?? significa non rispettare la natura umana e prima ancora l'unico essere umano ancora pulito e per assurdo peggio trattato che è l'infante.


avatar
Leila

Numero di messaggi : 1238
Età : 43
Data d'iscrizione : 10.11.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da nike il Gio Lug 28, 2011 8:25 am

Eni, per me gli stimoli ai bambini sono uguali all'alimentazione o ad altre cose fisiche: non daresti una bistecca ad un bambino di tre mesi e non penseresti che poi non sarà mai pronto a mangiarla, non lo porteresti da neonato in un reparto ospedaliero di malattie infettive perchè riterresti il suo sistema immunitario non maturo, ma questo non significa che a 20 anni non possa partire per chissà dove con Medici Senza Frontiere. Così per il resto! Io ho due bambini di 12 e 9 anni, e ti assicuro che sono autonomi, si sanno relazionare, sono educati, ma quando non erano pronti non erano pronti. Noi viviamo in un mondo strapieno di stimoli, moltiplicati rispetto a quando eravamo piccoli noi, ma il sistema sensoriale dei neonati e dei bambini piccoli non è mica diverso da 20 anni fa. A 7 anni non è più capace di controllarsi (sì, anche), ma è proprio più maturo per sostenere certe esperienze. Sulla festa ho fatto l'esempio delle feste di McDonald, che non sono feste con tanti bambini, sono situazioni in non-luoghi, create e pensate da adulti per piccoli consumatori, non certo pensate per creare un luogo amorevole ed accogliente per i bambini. Voi non notate che i bambini diventano nervosi e capricciosi in certi luoghi e situazioni? Fai una festa con 5 bambini in un parco con una banale merenda, senza troppi zuccheri, senza musica a palla, senza colori assurdi, e i bambini si divertiranno, si stancheranno, ma non diventeranno isterici. Per me questo vuol dire aver creato una situazione a loro misura, in cui loro imparano a relazionarsi, a gestire la stanchezza, le relazioni con gli altri, ma senza chiedergli cose al di là delle loro forze. Fra qualche anno andranno dove vorranno, averli rinforzati prima non vuol dire renderli incompetenti poi.
avatar
nike

Numero di messaggi : 5591
Età : 46
Località : Toscana
Data d'iscrizione : 11.06.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da eni il Gio Lug 28, 2011 9:02 am

Grazie Nike! Ora ho capito... Quello che mi era arrivato era: mio figlio non sa comportarsi in una certa situazione---> non gliela faccio vivere! E questo mi sembrava più una fuga che una soluzione...
Peró adesso ho capito cosa intendevi e sono d'accordo con te! L'unica cosa è che non credo che valga allo stesso modo per tutti e bisogna comunque almeno provarci un paio di volte per poi decretare che il bimbo non è pronto. Mio figlio ha quasi 3 anni, viene sempre con me a fare la spesa e non da le bizze, anche se all'inizio i pianti isterici con tanto di lancio di oggetti ci sono stati. Lui ha imparato con l'esperienza, quando non era o non è al nido, lavorando e non avendo nessuno a cui affidarlo, l'ho sempre portato con me, uffici, banche, poste, comune... Sicuramente non sono luoghi adatti ad un bambino, ma lui vivendoli, ha capito ed imparato come si deve comportare. Rispetta la fila, sta seduto senza correre in giro, non urla... Questo non significa che se ha una giornata storta non faccia le bizze, ma in generale è un bimbo abituato a frequentare i luoghi pubblici. Se invece lo porto al parco, cosa che non sono in grado di fare se non qualche volta il sabato pomeriggio, ho più difficoltà a gestirlo perché per NOI non è una situazione quotidiana con cui siamo abituati a confrontarci, anche se devo dire che il nido in questo l'ha aiutato molto. Insomma, il nido lo ha aiutato a relazionassi con il mondo dei piccoli, il mio lavoro con quello dei grandi. Per questo dicevo che secondo me imparano con l'esperienza, ma questo è solo il mio pensiero, dato dalla quotidianità con mio figlio.
avatar
eni

Numero di messaggi : 1000
Età : 33
Località : Livorno
Data d'iscrizione : 17.05.08

Visualizza il profilo http://eniroom.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Martinamarina il Gio Lug 28, 2011 9:19 am

nike io sono daccordissimo con te-ci pensavo lunedì sera parlando col Marito sul comportamento di Marina nei vari luoghi e sopratutto a contatto con certe persone...ma ci chiedevamo:non è limitante per il genitore questo comportamento?
ho già la risposta, però è un dubbio per che può venir fuori.
Certo che se si vede il tutto nella visione di Leila(non ricordo se l'ha espressa nel topic dell'allattamento prolungato o del co-sleeping) -ovvero essere questo un periodo di "passaggio"e di accompagnamento del genitore nei confronti del figlio- è molto più "leggero"il tutto, nel senso che poi si ristabilirà la normalità(cioè andare a fare la spesa con calma).
Ma questo presuppone un certo "adattamento"(passatemi il termine) del genitore , che molti vedono come: "bisogna fare come dice lui", "comanda lui"..ecco se si riuscisse a scavalcare quest'ottica di continua sfida di potere , forse si riuscirebbe a viverla anche meglio, perchè nell'altro modo non si va da nessuna parte.

Sono concetti che ho buttato lì, perchè anche io ci sto lavorando sopra e mi scuso se sono scritti alla rinfusa
avatar
Martinamarina

Numero di messaggi : 826
Età : 27
Data d'iscrizione : 30.07.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da nike il Gio Lug 28, 2011 9:21 am

Ovviamente torniamo al punto di partenza, cioè DEVO portarlo, so che gli sto creando un disagio e mi muovo di conseguenza. Ovvio che il lancio di oggetti dimostra che per lui era troppo, poi, essendo adattabili e imparando dall'esperienza, i bambini possono fare tutto, però trovo che sia importante che per noi sia chiaro quando gli stiamo chiedendo troppo, perchè ci aiuta anche a ridimensionare il concetto di capriccio.
avatar
nike

Numero di messaggi : 5591
Età : 46
Località : Toscana
Data d'iscrizione : 11.06.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da nike il Gio Lug 28, 2011 9:36 am

Martina, per me poi è molto importante comunque stabilire le regole, che detto IO e non loro, e su questo non transigo, perchè secondo me fa parte del dar loro sicurezza; per fare un esempio, trovo che spesso anche chiedere cosa vuoi mangiare sia una domanda che in un bambino genera più ansia che non senso di libertà, quindi decido, e si mangia quel che c'è, i capricci non sono consentiti. Ovvio che rispetto un adulto quanto un bambino, se una cosa non ti piace non te la preparo, però la regola è che si assaggia, e quindi assaggi, poi puoi dire che non ti piace. Insomma, per certe cose sono anche dura, però restando in ascolto.
avatar
nike

Numero di messaggi : 5591
Età : 46
Località : Toscana
Data d'iscrizione : 11.06.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da coccinella il Gio Lug 28, 2011 9:44 am

nike ha scritto: per fare un esempio, trovo che spesso anche chiedere cosa vuoi mangiare sia una domanda che in un bambino genera più ansia che non senso di libertà, quindi decido
sono d'accordo nike, questa è un'altra cosa di cui secondo me si abusa: chiedere troppo spesso ai bambini la loro opinione...cosa vuoi mangiare, cosa vuoi metterti...un giorno sull'autobus ho visto un nonno con una bambina di 3 anni che voleva che fosse lei a decidere dove sedersi...morale, sto povero vecchietto si è fatto avanti e indietro tutto l'autobus 5 volte perchè la bambina ovviamente non era in grado di decidere! non credo faccia bene né ai grandi né ai piccoli.
avatar
coccinella

Numero di messaggi : 2801
Età : 39
Data d'iscrizione : 17.12.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Valeria il Gio Lug 28, 2011 9:45 am

Su questo esempio del cibo concordo, ho sempre osservato il contrasto tra i miei dopo che è nato mio fratello: mio padre chiedeva sempre tipo "vuoi la frutta?" o "ti faccio la mela?" e poi al suo rifiuto cercava di insistere... e mia madre lo rimproverava perché così il bambino risponde di no, ovviamente! Magari non perché non gli piaccia la frutta ma perché ha voglia di andare subito a giocare. Se invece gli si dice che adesso mangiamo la frutta, magari neanche gli viene in mente di chiedersi se ne ha voglia
avatar
Valeria

Numero di messaggi : 9400
Età : 31
Data d'iscrizione : 01.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Elisina il Gio Lug 28, 2011 9:55 am

D'accordissimo anch'io, in maniera assoluta, all'ultimo concetto espresso da Nike.
E secondo me si incastra anche con quello che diceva Martina, sul non sentirsi " a loro servizio" ,.. c'è un po' questa visione bellica del rapporto coi bambini, ossia: se non mi impongo, prenderanno il sopravvento; come se fossero piccoli adulti crudeli, e non bambini.
I bambini hanno bisogno di fare i bambini, ed hanno bisogno di regole, di quei paletti, all'interno dei quali muoversi è sicuro, come fossero le linee che delimitano un campo da gioco. Certo, le linee si spostano con la crescita, non sono rigide, non sono assolute, ma devono esserci, o i bimbi crescono fra mille insicurezze, obbligati a prendere scelte che non gli competono..
(Non sapete quante volte ho visto madri chiedere ai figli preadolescenti se dovevano separarsi, se potevano risposarsi, con chi volevano vivere eccetera)
E questo non è amore, questo è deresponsabilizzarsi come genitori.

Uscire dalla dinamica di lotta, per entrare in un atteggiamento empatico (ossia, mi sintonizzo sui tuoi bisogni di ADESSO, e cerco di conciliarli coi miei, ma io non divento te - bambino- e non costringo te ad essere me - adulto) credo sia l'unico modo per non sfiancarsi, per non trasformare ogni giorno in una guerra!
avatar
Elisina

Numero di messaggi : 8702
Età : 41
Data d'iscrizione : 22.05.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da June il Gio Lug 28, 2011 10:02 am

Io in treno ho visto un puffoletto francese di 2 anni al massimo che viaggiava con sua madre. Era simpatico e tranquillo, attaccava bottone con le donne dello scompartimento con un disarmante "Madame!".
La situazione era decisamente scomoda, ma la mamma (che era sola con lui) non ha avuto il minimo problema a gestirlo.
Ci chiacchierava tanto, se si allontanva bastava un "Vien ici!" calmo a farlo tornare e nemmeno la merenda è stato un problema.
Ha aperto il tavolino e ha tirato fuori dalla borsa una mela ed una pera e gli ha detto semplicemente: "La pomme ou la poire?". E lui "La pommme!!!".
Sospetto perché la pomme era rossa e la poire giallino spento!
Però era chiaro che quello c'era e quello si mangiava, due scelte chiuse e nessuna discussione in merito!
Si vedeva bene che lui era abituato così: tanta mamma e chiare semplici regole. Ed era proprio un piccolo gioiso e sereno
avatar
June

Numero di messaggi : 2041
Età : 39
Data d'iscrizione : 02.08.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da eni il Gio Lug 28, 2011 10:45 am

June ha scritto:
Si vedeva bene che lui era abituato così: tanta mamma e chiare semplici regole. Ed era proprio un piccolo gioiso e sereno

È questo che intendevo! Ma non riuscivo a spiegarlo. Secondo me è vero che ci sono situazioni non adatte ai bambini, ma credo che con un po di pazienza, tanta buona volontà, poche e chiare regole, piano piano anche loro si adeguano. Questo forse li aiuterà anche in futuro per sapersi adattare a situazioni inaspettate, ma è solo una mia speranza o forse una mia giustificazione per non sentirmi troppo
In colpa per avergli fatto avere una quotidianità (quando non è al nido) adulta e non da bambino. :(

Cocci ti prego non tirare in ballo i nonni perché sto per esplodere, tutto il lavoro che ho fatto in questi anni sta andando letteralmente a putt... Perché da quando è finito il nido Bryan è a casa con la nonna e per noi sta diventando faticoso gestirlo. Non ha più orari, non mangia a tavola, se non addirittura mi salta i pasti perché mentre non ci siamo viene rimpinzato di focacce, frutta e biscotti. Sto cercando di spiegare lemmie ragioni con calma anche se dentro esplodo, e il sentirmi dire è solo un bambino(=puó ed è giusto che faccia come gli pare) mi manda in delirio! Purtroppo ci devo convivere, almeno fino a fine agosto, ma spero non sia troppo tardi e di poter recuperare la mia autorità (che invece viene interpretata come crudeltà, cattiveria e incapacità di comprendere le necessità di mio figlio). Spero di non commettere nel frattempo un suoceri-cidio... Ma sto andando ot. Calma ENI, calma!
avatar
eni

Numero di messaggi : 1000
Età : 33
Località : Livorno
Data d'iscrizione : 17.05.08

Visualizza il profilo http://eniroom.spaces.live.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Educazione dei bambini

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 10 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum