Fecondazione eterologa: il caso di Audrey Kermalvezen

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Fecondazione eterologa: il caso di Audrey Kermalvezen

Messaggio Da Panicqueen il Lun Nov 16, 2015 2:45 pm

Una donna, avvocato francese, figlia della fecondazione artificiale eterologa negli anni '70 da donatore di seme.
Una storia che serve a tutti perché evidenzia gli aspetti più sottili della fertilità e della riproduzione umana. Ci dice che il modo in cui si nasce conta per il resto della vita.
Ci fa capire che cosa si tramanda alle generazioni anche quando non viene detto. Ci rivela gli effetti dei segreti familiari. Ci mostra che le nostre traiettorie sono guidate dalla ricerca di un senso nascosto, spesso generato letteralmente dai nostri temi più intimi.



Per lei è in corso una battaglia legale per la scoperta dell'identità del suo padre biologico, a cavallo tra generazioni di leggi a tutela prima del concepito prima e poi del donatore. Lei che sin da piccola percepisce una "differenza" nella famiglia e chiede spesso se è adottata; che studia diritto bioetico senza ancora sapere perché quelle conoscenze le serviranno in futuro e che si innamora e sposa un uomo, anche lui "figlio in provetta", solo per scoprire più tardi che anche lei è nata così.

Ha scritto un libro, "Mes origines, un affair d'état" (Le mie origini, un affare di stato), un titolo che riassume brillantemente la sua vicenda dai tanti risvolti problematici, dal piano della sofferenza individuale a quello politico.

Qui l'articolo completo: http://www.tempi.it/io-concepita-in-provetta-combatto-per-dire-quanto-e-dura-nascere-cosi#.VkiMkoQimCX

Che ne pensate di questa storia?

_________________
Jessica Borgogni
Fertility Educator
Metodo Ladyfertility per la Fertilità Consapevole™
Contraccezione naturale sicura, Ricerca di gravidanza e Salute riproduttiva


I miei grafici di fertilità: http://www.fertilityfriend.com/home/1db1de

Segui tutte le novità di Ladyfertility anche su Facebook
avatar
Panicqueen
Admin

Numero di messaggi : 31274
Età : 33
Data d'iscrizione : 12.04.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.ladyfertility.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fecondazione eterologa: il caso di Audrey Kermalvezen

Messaggio Da Artemide il Lun Nov 16, 2015 4:07 pm

Parlavo di questo argomento proprio nei giorni scorsi con una mia amica e leggere questo articolo ha confermato l'idea che pian piano mi sto costruendo sull'eterologa.
Delle due esperienze riportate trovo profondamente sbagliato il comportamento dei genitori della ragazza che hanno mentito per 30 anni a lei e al fratello, nonostante loro "sentissero" che qualcosa non andava. E' solo una mia opinione, e capisco che possa non essere condivisibile.
Altro discorso è quello dell'identità del donatore e provo ad immedesimarmi dei due ruoli.
Io-Donatore donerei solo se mi fosse garantito l'anonimato in ogni circostanza, anche la più estrema come il rischio di un futuro matrimonio tra due consanguinei (tipo la ragazza che portebbe avere lo stesso padre del marito). Questo ragionamento non per egoismo, ma perchè magari ho donato il seme, poi mi sono fatto una mia famiglia e dopo 20 anni mi arriva qualche ragazzo che vuole conoscermi perchè biologicamente sono suo padre. Credo che con tutta la buonafede dei "figli" l'equilibrio famigliare non sarebbe più lo stesso.
Io-Figlia in provetta: oltre a tutta la componente psicologica che tralascio, potrei aver bisogno di conoscere mio padre per questioni appunto di consanguineità (anche se lo ritengo un evento molto raro), sia magari per altre ragioni mediche come malattie ereditarie.
Detto ciò mi dispiace molto per la ragazza, credo che avrebbe il diritto di sapere se ha lo stesso padre del marito, senza tuttavia conoscerne l'identità, che non è necessaria.
In conclusione, all'inizio credevo che la possibilità dell'eterologa fosse una vera conquista per le alcune coppie e che fosse giusto renderla possibile, oggi fatico a non vederlo più come un atto quasi "egoistico" della coppia, viste le conseguenze psicologiche che possono crearsi nei figli nati così.
Per me era moralmente poco accettabile prima e credo lo resterà, ma capisco che l'adozione non è la soluzione ideale per tutti I love you
avatar
Artemide

Numero di messaggi : 2366
Età : 24
Data d'iscrizione : 22.12.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fecondazione eterologa: il caso di Audrey Kermalvezen

Messaggio Da Jessyca il Lun Nov 16, 2015 7:13 pm

Approvo tutto il discorso fatto da Artemide credo che non sia bello ritrovarsi in una situazione simile.
avatar
Jessyca

Numero di messaggi : 495
Età : 25
Data d'iscrizione : 14.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fecondazione eterologa: il caso di Audrey Kermalvezen

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum