The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Eowyn il Ven Nov 21, 2014 9:58 am

Io la penso un po' come mulan, ha espresso bene i concetti che penso anch'io, e non vorrei ripetere...
In realtà ho riflettuto molto se scrivere in questo topic oppure no, visto che non sono esperta né tantomeno mi sono informata molto a riguardo, non ho letto The China Study e neanche studi opposti, solo link che avete postato voi nei vari topic.
Questa contrapposizione tra una tesi e l'altra mi confonde molto, mi fa rabbia che non ci sia un po' di chiarezza (anche ad esempio su quello che ha scritto mi pare Artemide, che non si dovrebbero mangiare proteine e carboidrati insieme, ho sentito tesi completamente opposte!). Più mi informo e più sono confusa a dir la verità.
In questi anni però, provando e provando, sono giunta ad alcune conclusioni: una è che io la soia non la posso mangiare, e questo mi renderebbe abbastanza più difficile un'alimentazione vegana. La seconda è che, da quando ho iniziato a mangiare meno carboidrati e a stare attenta ad inserire proteine e grassi in ogni pasto, sto molto meglio. Ho le ovaie micropolicistiche, e al mio ciclo ha giovato moltissimo un tipo di alimentazione "bilanciata". C'è da dire che non bevo latte, di latticini mangio solo yogurt, parmigiano o feta, preferisco la carne bianca, mangio legumi appena posso. Ecco le uova le mangio, e da quando ho iniziato a farlo più spesso non sono stata peggio, anzi. Il mio colesterolo "buono" è altissimo, quello "cattivo" è basso. Quando sgarro un po', mangiando troppi carboidrati, il mio ciclo si scombina subito. E il punto è che non è solo una questione di zuccheri (dolci ecc), ma non mi sento bene anche quando mangio solo carboidrati, ad esempio un bel piatto di riso (non dico pasta o pizza), poi faccio pipì mille volte... Anche se in un pasto mangio solo frutta (molto zuccherina) ho problemi...
Poi ovviamente cerco di impegnarmi a prendere carne biologica, uova biologiche o di galline allevate all'aperto ecc... Ma il punto è che il mio equilibrio ormonale è così migliorato da quando ho iniziato a stare attenta ad assumere ad ogni pasto abbastanza proteine (non dico tantissime eh, ma circa il 20-25%...) che sentir dire che le proteine fanno male mi deprime e mi confonde molto...

EDIT: sincro con mulan
avatar
Eowyn

Numero di messaggi : 3293
Età : 29
Località : Trento
Data d'iscrizione : 05.12.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da nike il Ven Nov 21, 2014 11:49 am

La soia non è fondamentale per una dieta vegana, anzi....
Io sono arrivata al pensiero che tutto questo parlare di veganesimo in questo momento è molto sano, perchè ci sta aprendo gli occhi su alcune cose importanti. Per esempio che latte o uova sono presenti in mille prodotti preparati, e questo fa si che ne consumiamo enormi quantità nascoste. E poi il discorso che fa anche Elisina sugli allevamenti intensivi: io concordo con lei che quello è il vero problema, ma sono certa che se tutte noi volessimo davvero non mangiare prodotti di allevamenti intensivi la percentuale di proteine animali che mangiamo si ridurrebbero drasticamente, perchè per esempio le uova non ci sono tutto l'anno, così come il latte, la carne sarebbe per forza molto meno.... ecco, la mia posizione è un po' questa, che senza aver preso una posizione definitiva su vegan si o no, se realmente tutte decidessimo di non scendere a compromessi per lo meno rispetto alla qualità, già la nostra alimentazione (e poi il mondo) cambierebbe!
avatar
nike

Numero di messaggi : 5592
Età : 45
Località : Toscana
Data d'iscrizione : 11.06.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da naturElly il Ven Nov 21, 2014 12:43 pm

nike, concordo, si può vivere tranquillamente senza soia e sono d'accordo sul fatto che si possa fare a meno di prendere una posizione netta, ma fare lo stesso qualcosa di concreto e fondamentale per cambiare il mondo!!!! puntando sulla qualità delle proteine e il rispetto degli animali che dovrebbero essere allevati liberi e felici. Quindi uniamoci donne, queste sono solo piccole sfumature, ma la sostanza non cambia. I love you
Eowyn: penso che la tua alimentazione e la mia debbano essere uguali anche se le nostre situazioni sono molto diverse.
Le considerazioni che hai fatto su di te osservandoti sono giustissime. Per controllare gli ormoni bisogna tenere a bada l'insulina nel sangue e quindi avere pochissimo zucchero in circolo. Ma se tu ti senti male mangiando riso bianco, o pane bianco, c'è un motivo chiaro, sono carboidrati raffinati. Se fai delle prove, dovresti farlo con il pane integrale, di lievito madre possibilmente (vero pane integrale....) e cereali in chicco integrali, mai raffinati come il riso bianco. La frutta va limitata tantissimo perché è molto zuccherina e non va bene. Ma questo non ti obbliga a mangiare proteine per forza. Un menù a base di verdura, cereali integrali in chicco (a volte pasta integrale) e legumi è cmq bilanciato, come già detto.
avatar
naturElly

Numero di messaggi : 928
Età : 40
Località : Verona
Data d'iscrizione : 13.07.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da mulan il Ven Nov 21, 2014 2:17 pm

Anch'io cerco sempre di bilanciare in ogni pasto carboidrati, proteine e grassi, però piano piano (e non senza sforzi, visto che mi causavano gonfiore addominale) sono riuscita a introdurre nella mia alimentazione i legumi, che quindi combino con i cereali integrali.
Spesso un mio pasto consiste in una bella zuppa di quinoa e fagioli, oppure riso integrale e lenticchie, e durante l'estate invece facevo sempre delle belle insalatone. Mangio pochissimo pane (solo a colazione, con crema di nocciole 100% fatta da me e marmellata senza zuccheri aggiunti), integrale e fatto in casa con la pasta madre, cereali raffinati quasi zero, giusto se capita a cena fuori, ecco.
Anche nella mia famiglia c'è una certa predisposizione al diabete di tipo 2, mio padre è riuscito a evitarlo stando attentissimo all'alimentazione (ma senza evitare derivati animali), e io mi sono resa conto che facendo così ho avuto dei notevoli miglioramenti anche a livello dell'ovaio policistico ad esempio. Però ecco, appunto per questo le proteine nei miei pasti ci sono sempre, seppur vegetali. Neutral
avatar
mulan

Numero di messaggi : 3246
Età : 27
Data d'iscrizione : 30.08.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Panicqueen il Ven Nov 21, 2014 3:04 pm

Di questo China Study conoscevo solo il fatto che dovrebbe aver portato nuova linfa (se le mie info sono corrette) ai benefici della dieta crudista, anche per il diabete.
Però se parliamo di controllare l'insulina e poi inseriamo a destra e a manca farinacei, seppur integrali che tanto sono la stessa cosa, e legumi, mentre demonizziamo la frutta e anche le proteine, per me, detto fuori dai denti, è un fiasco clamoroso.
Sono d'accordo sul fatto che gli equilibri di ciascuno sono diversi e che c'è chi davvero senza proteine animali sta meglio, ma ci sono alcuni aspetti, come i farinacei, che sono comuni a tutti gli individui, a causa del glutine, in primis, uno dei più importanti responsabili di diabete e, come conseguenza dello squilibrio insulinico, del colesterolo. Così come non per tutti le proteine vegetali sono sufficienti, perché sono assorbite poco e comunque diversamente dai tratti intestinali di ciascuno, quindi ci sarà chi sta benissimo con proteine vegetali e chi in un piatto di riso e fagioli avrà mangiato praticamente solo carboidrati! (alla faccia del controllo insulinico).
Io su questi temi ho studiato "il giusto", ossia un po', non tantissimo, ma per farla corta: Paleo forever (almeno nei principi base)

_________________
Jessica Borgogni
Fertility Educator
Metodo Ladyfertility per la Fertilità Consapevole™
Contraccezione naturale sicura, Ricerca di gravidanza e Salute riproduttiva


I miei grafici di fertilità: http://www.fertilityfriend.com/home/1db1de

Segui tutte le novità di Ladyfertility anche su Facebook
avatar
Panicqueen
Admin

Numero di messaggi : 31178
Età : 33
Data d'iscrizione : 12.04.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.ladyfertility.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da mulan il Ven Nov 21, 2014 3:08 pm

Panicqueen ha scritto:Io su questi temi ho studiato "il giusto", ossia un po', non tantissimo, ma per farla corta: Paleo forever (almeno nei principi base)
Io ero partita dalla paleo, ma piano piano, aspettando il mio corpo, mi sono posta un po' "nel mezzo", cercando sempre di equilibrare ogni pasto.
avatar
mulan

Numero di messaggi : 3246
Età : 27
Data d'iscrizione : 30.08.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da nike il Ven Nov 21, 2014 3:12 pm

Però nessuno parla di aumentare farinacei a destra e a manca! Io credo che anche sulla dieta vegan ci siano molti fraintendimenti. Gli elementi comuni a tutti sono l'aumento sostanziale di verdura e frutta, la diminuzione (o riduzione) di latticini e prodotti trasformati, quindi per tutti vale il più possibile l'integrale e il chicco intero nel caso dei cereali.
Io, nel mio perenne sincretismo, trovo parecchi punti comuni.
avatar
nike

Numero di messaggi : 5592
Età : 45
Località : Toscana
Data d'iscrizione : 11.06.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Panicqueen il Ven Nov 21, 2014 3:27 pm

Non ho parlato di dieta vegan, ma mi riferisco soprattutto agli interventi di NaturElly, che immagino siano tratti appunto dal China Study a cui è intitolato il topic: se in questo studio si consiglia "pochissima frutta, perché fa male, poche proteine anche vegetali perché fanno male", e poi però riso e cereali a go-go vanno bene, per quello che ho sperimentato personalmente della Paleo, che affermerebbe praticamente il contrario (sì alla frutta, con moderazione, perché è naturale, no ai cereali perché occorre lavorarli per consumarli), lo trovo uno squisito controsenso, quando l'obiettivo è il controllo insulinico!

L'integrale è meglio del bianco, ma meglio di entrambi è limitare cereali e legumi e preferire i vegetali (frutta e verdura) per l'apporto di carboidrati!
Questo è quanto afferma la Paleo e io lo sottoscrivo con l'esperienza io ho ottenuto un ottimo controllo insulinico, riscontrato a livello di energie fisica, in me e in altri intorno a me, e in un dimagrimento + mantenimento di -15 kg in un anno (con pochissima attività fisica, quindi praticamente tutto attribuibile all'alimentazione).

Per me è fuorviante uno studio che consiglia l'integrale al posto del raffinato (e fin qui, bene), MA omette di sottolineare che comunque cereali e legumi rappresentano un problema, proprio nei confronti del controllo insulinemico! (e lo deduco dal fatto che sono "ampiamente permessi", se non addirittura incoraggiati - almeno stando a quanto ho capito dai commenti qui nel topic).
Certo, se parliamo di dati degli anni 70, ne è passata di acqua, e di studi!, sotto i ponti.

Edit: come riporta il link citato da Elisina, notare che si tratterebbe proprio di una dieta anti-proteine, pro-carb (che è forse una frequente distorsione della dieta vegan, ma non è certo ciò che la vegan voleva essere!) http://www.eurosalus.com/alimentazione-sport/china-study-cinesi-epidemia-di-diabete
E allora non sorprende proprio che i cinesi dello studio stiano diventando tutti diabetici !!
Dal punto di vista della Paleo, era una previsione ovvia.


Ultima modifica di Panicqueen il Ven Nov 21, 2014 3:41 pm, modificato 1 volta

_________________
Jessica Borgogni
Fertility Educator
Metodo Ladyfertility per la Fertilità Consapevole™
Contraccezione naturale sicura, Ricerca di gravidanza e Salute riproduttiva


I miei grafici di fertilità: http://www.fertilityfriend.com/home/1db1de

Segui tutte le novità di Ladyfertility anche su Facebook
avatar
Panicqueen
Admin

Numero di messaggi : 31178
Età : 33
Data d'iscrizione : 12.04.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.ladyfertility.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da goldie il Ven Nov 21, 2014 3:40 pm

Pq, io la penso proprio come te, The China Study mi lascia molto perplessa...
avatar
goldie

Numero di messaggi : 1257
Età : 35
Data d'iscrizione : 08.02.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Hythien il Ven Nov 21, 2014 4:48 pm

Io parto dall'idea che le esagerazioni fanno male e da posizioni come quella di Eowyn:
Eowyn ha scritto:...ho riflettuto molto se scrivere in questo topic oppure no, visto che non sono esperta né tantomeno mi sono informata molto a riguardo, non ho letto The China Study e neanche studi opposti, solo link che avete postato voi nei vari topic.
Questa contrapposizione tra una tesi e l'altra mi confonde molto, mi fa rabbia che non ci sia un po' di chiarezza. Più mi informo e più sono confusa a dir la verità.
visto che son stati fatti degli esempi io ne ho in mente almeno una decina di "opposti", ne faccio solo due perchè di quelli sono sicura di quello che sto dicendo, essendo persone che conosco non superficialmente.
il primo:
una sorellastra di mia zia è mancata molto giovane per un tumore all'utero poi diffusosi in diverse altre parti del corpo, e nella sua famiglia d'origine ci son stati anche diversi altri casi, l'ultimo in ordine di tempo ha toccato un nipote, diagnosi: tumore alle ossa (suo fratello gemello anche se strettamente controllato fisicamente sta benissimo). Per non parlare di diabete di tipo 2 e infarti vari. Ecco questa famiglia ha da sempre abolito latte e suoi derivati (un nonno era molto probabilmente intollerante e da lì è partita l'usanza di famiglia) ed hanno una dieta che prevede uova e pesce una volta a settimana e per il resto frutta verdura cereali e legumi, insomma niente latte e niente carne, rossa o bianca che sia.
secondo caso:
la sorella di mia nonna è mancata a più di 90 anni di "vecchiaia" con esami del sangue perfetti e completamente autosufficiente, lasciando da parte che ha fumato dai 20 anni in poi, mangiava tutto con moderazione e di qualità (teneva un orto tutto suo e qualche gallina) l'unica cosa che faticava a limitare erano i fritti, anche se col tempo, essendo rimasta sola, solo per lei non li faceva più.
Poi per esempio penso a me stessa, qualsiasi cosa contenga cereali integrali mi provoca coliche all'intestino nel giro di 18 ore precise, mentre quelli raffinati non mi creano nessun tipo di problema, ho anche fatto la biopsia per sospetta celiachia ma ha dato esito negativo.

Per dire il vissuto personale e gli esempi lasciano il tempo che trovano nelle generalizzazioni ma sono tasselli fondamentali nella costruzione delle proprie opinioni.
Le uniche cose di cui mi sento abbastanza sicura sono che non si può pretendere di controllare tutto, che le prime cose da cercare sono qualità e varietà e poi anche moderazione. E mi sembra di aver capito quindi di essere un po' in contraddizione con questo China study.
avatar
Hythien

Numero di messaggi : 967
Età : 32
Località : Genova
Data d'iscrizione : 06.12.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Artemide il Ven Nov 21, 2014 5:33 pm

Mi ritrovo molto nelle osservazioni di PQ, Elisina ed Hythien Di Hythien per gli esempi che ha portato e la conclusione che ne ha tratto.
Con PQ ed Elisina per il fatto che se IO dovessi seguire una dieta del genere assumerei un quantitativo di cereali e farinacei molto superiore rispetto ad ora perchè con le sole verdure resterei affamata! E su di me l'aumento dei carboidrati (integrali o raffinati non fa differenza) vuol dire solo una cosa...candida
Ho anche sostituito il riso raffinato con quello integrale, ma purtroppo mi fa gonfiare la pancia a dismisura ogni volta che lo mangio, ma prima di esprimermi in merito provo a cambiare varietà...
Alla fine per il mio corpo la cosa ideale è mangiare un po' di tutto: verdure, frutta, carne, cereali, ecc cercando di variare il più possibile e bere solo acqua (giusto ogni tanto un bicchiere di vino se si fa un brindisi in compagnia ).
Sono sempre contraria alle privazioni totali di intere classi di alimenti ma alla fine ogni persona deve trovare la dieta che la fa sentire meglio I love you
avatar
Artemide

Numero di messaggi : 2309
Età : 23
Data d'iscrizione : 22.12.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Elisina il Sab Nov 22, 2014 9:47 am

Panicqueen ha scritto:Non ho parlato di dieta vegan, ma mi riferisco soprattutto agli interventi di NaturElly, che immagino siano tratti appunto dal China Study a cui è intitolato il topic: se in questo studio si consiglia "pochissima frutta, perché fa male, poche proteine anche vegetali perché fanno male", e poi però riso e cereali a go-go vanno bene, per quello che ho sperimentato personalmente della Paleo, che affermerebbe praticamente il contrario (sì alla frutta, con moderazione, perché è naturale, no ai cereali perché occorre lavorarli per consumarli), lo trovo uno squisito controsenso, quando l'obiettivo è il controllo insulinico!

L'integrale è meglio del bianco, ma meglio di entrambi è limitare cereali e legumi e preferire i vegetali (frutta e verdura) per l'apporto di carboidrati!
Questo è quanto afferma la Paleo e io lo sottoscrivo con l'esperienza io ho ottenuto un ottimo controllo insulinico, riscontrato a livello di energie fisica, in me e in altri intorno a me, e
E questo è quanto io quoto e sottoscrivo al massimo
Come può essere "naturale" limitare la frutta e massimizzare i cereali? Forse possiamo parlare di frutta "bombata" vs frutta spontanea; è vero che la frutta che cresce spontanea e di stagione è meno zuccherina e più acidula (ho una decina di alberi di mele annurche nei campi, spettacolari) e quindi preferibile. Ma sarà sempre più naturale, come scelta per l'uomo, delò cereale, il cui consumo è necessariamente preceduto da elaborazione umana. Anche io sono in paleo da anni. Sono arrivata alla paleo proprio scoprendo (tra l'altro dopo anni da vegetariana!!) di essere intollerante al glutine. Mia sorella è grtavemente celiaca, e l'ha scoperto a 24 anni, anche lei dopo anni da vegetariana (e un abuso di seitan, sicuramente). Non mangio carne da allevamento intensivo. Abbiamo polli, abbiamo le uova, abbiamo le verdure e la frutta di stagione. Non mangio latticini tranne yogurt bianco e un po' di parmigiano. Questa è la base della mia alimentazione, poi se voglio carne rossa la compro bio (ne mangio poca) oppure se capita di mangiare fuori ammetto che vivo serena . Sono magra mangiando a sazietà. Ho analisi del sangue perfette. Mia madre ha abbattuto una colesterolemia ereditaria con tanto di ipertensione mangiando così.
E ci sono tanti studi accreditati almeno quanto il China Study (che non è mai arrivato in ambito accademico a nessuna rewiew, in realtà lo vendono in libreria o in edicola accanto a tutti gli altri libri sull'alimentazione! ) che supportano questa teoria. Io non dico che una sia più valida dell'altra, ma sulla mia pelle posso fornire la mia, di testimonianza. La gliadina, contenuta nella maggior parte dei cereali, non è adatta all'uomo, tanto quanto il lattosio di orgine non specie specifica.
avatar
Elisina

Numero di messaggi : 8703
Età : 40
Data d'iscrizione : 22.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da naturElly il Sab Nov 22, 2014 11:18 am

Panic ha scritto:Per me è fuorviante uno studio che consiglia l'integrale al posto del raffinato (e fin qui, bene), MA omette di sottolineare che comunque cereali e legumi rappresentano un problema, proprio nei confronti del controllo insulinemico! (e lo deduco dal fatto che sono "ampiamente permessi", se non addirittura incoraggiati - almeno stando a quanto ho capito dai commenti qui nel topic)
Non sono d'accordo, gli studi ci sono, sono studi scientifici condotti in Italia dal Prof. Berrino che segue me personalmente nell'alimentazione, il quale è un sostenitore del The China Study.
Vi invito a leggere qui, i fondamenti di un progetto che sta ancora continuando. Qui si parla di una patologia specifica perché in questa patologia vi è l'assoluta necessità di controllare i livelli ormonali, ma questo ci fa capire cosa dobbiamo fare poi nella prevenzione e nella vita di ogni giorno anche per altri tipi di patologie.
Per quanto riguarda gli alimenti non possiamo dire che un Riso bianco brillato Indice glicemico 117 (tabelle della Dott. De Petris nutrizionista) equivalga all'assunzione di un pane integrale di farro Indice glicemico 63 o un pane di segale integrale 48.
Inoltre anche nel The China Study si invita a mettere in pratica il principio della rotazione dei cereali, alcuni con glutine altri senza, ma pur sempre cereali integrali.
Mi sto informando sulla dieta Paleo, a suo favore ci sono solo le vostre personali riflessioni o anche studi su donne che l'anno seguita, con conseguenti abbassamento dei livelli ormonali???
avatar
naturElly

Numero di messaggi : 928
Età : 40
Località : Verona
Data d'iscrizione : 13.07.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da naturElly il Sab Nov 22, 2014 11:54 am

Elisiana-Panic ha scritto:Edit: come riporta il link citato da Elisina, notare che si tratterebbe proprio di una dieta anti-proteine, pro-carb (che è forse una frequente distorsione della dieta vegan, ma non è certo ciò che la vegan voleva essere!) http://www.eurosalus.com/alimentazione-sport/china-study-cinesi-epidemia-di-diabete
Ragazze, secondo me chi ha scritto questa critica non ha neanche letto il libro, quindi stiamo un po' attente a quello che leggiamo.
In the China Study non parla dell'alimentazione Cinese che è meglio degli altri tipi di alimentazione. Per farvela breve, Campbell si trova ad avere dei finanziamenti per studiare la popolazione Cinese, alcune zone rurali mangiano in un modo, altre in altro modo, quindi riesce a provare scientificamente che dove si mangia in un determinato modo l'incidenza di malattie è minore. Ma potrebbe averlo fatto in America o in India. Cosa c'entra dire che i cinesi sono malati di diabete? Quali di questi cinesi???
avatar
naturElly

Numero di messaggi : 928
Età : 40
Località : Verona
Data d'iscrizione : 13.07.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da linda il Sab Nov 22, 2014 12:29 pm

Dunque: io studio alimentazione naturale da 10 anni e the china study l'ho letto appena uscito, quindi qualche anno fa. L'ho trovato molto simpatico ma non ne sono rimasta colpita nel senso che ho trovato tutte cose che già sapevo, è più che altro interessante il fatto di questa sperimentazione trentennale con i risultati che ne conseguono sulla salute umana. Pero' non ricordo che assolutamente parlasse di limitare la frutta, c'è proprio una pagina intera con l'elenco di tutta la frutta verdura esistente al mondo e dice di mangiarne senza limiti. Ho anche studiato le tesi del prof Berrino ( e letto il suo "Il cibo per l'uomo" ed anche il libro della Villarini "Prevenire i tumori a tavola mangiando con gusto). Queste tesi si riifanno a mio avviso troppo alla macrobiotica: frutta poca e meglio se cotta, poca verdura cruda ed inoltre includono il pesce. Berrino e Villarini si ispirano a "il grande libro dell'ecodieta" di Guglielmo (citato nella bibliografia della Villarini) è che è un cult per molti, non per me (troppo macrobiotico) anche se ha spunti molto interessanti. Per me the China Study è un buon punto di partenza ma il punto di arrivo varia per tutti noi. Io ho scoperto per caso che attualmente mi sto nutrendo un maniera "igienista" intesa come tantissima frutta e verdura cruda e sono finalmente quasi del tutto vegana ma lo so ora, al termine di un lungo percorso e perchè il mio corpo, finalmente rieducato, me lo sta proprio chiedendo giacchè anch'io, come Mulanina, non voglio cadere negli estremismi Le mie esperienze di vita, dopo tanti anni di riflessioni in merito, è che siamo tutti connessi, piante, animali uomini quindi l'aspetto etico non va sottovalutato, perchè se una cosa mi fa bene di solito fa bene anche agli animali ed all'ambiente I love you
avatar
linda

Numero di messaggi : 2879
Data d'iscrizione : 16.04.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Elisina il Sab Nov 22, 2014 12:49 pm

Elly , purtroppo sono in un periodo veramente incasinato , prometto che appena ho un pomeriggio libero ti metto qui tutta la bibliografia scientifica in mio possesso. Con la premessa che "scientifico" nell'era di internet vuol dire tutto e non vuol dire nulla. Ho appena letto , per dire, uno studio di una prestigiosa università svizzera che parla della maggiore predisposizione dei vegani alla depressione. E con questo? E' scientifico? Siamo arrivati alla tuttologia ed è per questo che ho iniziato a detestare le polemiche sull'alimentazione, che sembrano ovunque essere diventate una deriva di quelle religiose. Avevo in mente di tenere un blog a riguardo, pensa un po' che dalla nausea ho cambiato idea! Fermo restando che non ti devo convincere così come non voglio essere convinta.. ho passato gli ultimi 5 anni a leggere tantissimo di alimentazione, da pubmed al gazzettino, e sono arrivata alle conclusioni che ti ho detto, e che comunque ho scritto più volte nel topic su alimentazione e veganesimo. Sul fatto che il China Study scientificamente non è un gran libro, ho letto tanto, e sentito tanto, e da tanti medici, io forse qui sono l'unica oltre a te ad averlo letto e la mia opinione resta quella che è ; il link che ho messo sugli studi anni dopo sulla popolazione cinese non era quello originario che avevo letto, che veniva peraltro da un noto quotidiano, e che comunque arrivava alla stessa conclusione, ossia che non è solo l'alimentazione ad essere fondamentale, ma lo stile di vita. Se poi vogliamo dire che una dieta che tenga a bada gli agenti di crescita in caso di malattia sia quella da preferire, sono d'accordo con te. Ma che la dieta di cui parli sia giusta per tutti, sia l'unico modo di mangiare sano, non sono d'accordo.
avatar
Elisina

Numero di messaggi : 8703
Età : 40
Data d'iscrizione : 22.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Panicqueen il Sab Nov 22, 2014 1:27 pm

Vogliamo aggiungere anche una considerazione? I cereali si sono diffusi a certi livelli nell'alimentazione umana anche e soprattutto a perché costavano (costano tuttora) assai meno di altri alimenti come la carne o il pesce. Praticamente, più è benefico è un alimento e più costa, pensiamo anche solo a cibi in scatola vs. frutta e verdura fresca.
E come sappiamo che nella Cina comunista anni '70 questo testo non sia stato commissionato per promuovere le colture estensive di cereali, magari in primis proprio il riso?? Per l'appunto in Cina? Non fa riflettere, a parte tutto?

Per quanto riguarda i livelli ormonali: Elly ti posso portare la mia esperienza, io stavo scoppiando di ormoni (estrogeni) nel periodo in cui ero sovrappeso (di poco, ma già troppo per la mia salute) e tutti gli esami si erano magicamente sballati, colesterolo per primo, a neanche 30 anni, e naturalmente la resistenza insulinica era già avviata (ho  il diabete da entrambi i lati della famiglia). Avevo problemi al seno, che potrai leggere nel topic Salute del Seno, e perdendo massa grassa a favore della magra i sintomi sono spariti (tranne la galattorrea, ma adesso non è più sintomatica). E' vero che in una primissima fase detox ho eliminato la carne per circa 2 mesi, guidata dal mio istinto, perché il corpo rifiutava di aggiungere ai miei anche gli ormoni della carne. Però poi l'ho reintrodotta e ora fa parte della mia dieta e francamente non sto dietro a bio o non bio. Ne mangio con misurazione, ruoto molto con il pesce e prediligo in ogni caso il pollo, che secondo alcuni ricercatori è uno tra gli alimenti meno allergenici/infiammatori a disposizione, e quello che sperimento sulla mia pelle lo conferma (non ricordo il nome della ricercatrice a cui sto pensando, appena mi torna in mente lo aggiungo).
Con questo cosa voglio dire: che i livelli ormonali adeguati si ottengono in tanti modi, ma il metabolismo glucidico e tiroideo sono i primi da guardare, perché dettano i ritmi del metabolismo degli ormoni sessuali (lo si vede nel rapporto ormai stranoto tra PCOS e resistenza insulina e ipotiroidismo).
E comunque cosa vuol dire "abbassare i livelli ormonali?" Tutto e nulla. È come la pillola che "regolarizza il ciclo". Quindi attenzione a non farsi abbagliare da chi fa promesse vacue senza sapere di che parla.

Per ultimo vorrei molto mettere in guarda dal concetto pericolosissimo che certi fanatismi promuovono nella nostra epoca, ed è quello di "curare il corpo" (da qualsiasi male) con la dieta. La dieta è la base, ma non possiamo purtroppo assolutamente illuderci che il cibo sia medicamentoso in alcun senso, né che possa tantomeno invertire processi già in atto.

_________________
Jessica Borgogni
Fertility Educator
Metodo Ladyfertility per la Fertilità Consapevole™
Contraccezione naturale sicura, Ricerca di gravidanza e Salute riproduttiva


I miei grafici di fertilità: http://www.fertilityfriend.com/home/1db1de

Segui tutte le novità di Ladyfertility anche su Facebook
avatar
Panicqueen
Admin

Numero di messaggi : 31178
Età : 33
Data d'iscrizione : 12.04.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.ladyfertility.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Elisina il Sab Nov 22, 2014 1:49 pm

Questi comunque gli articoli che ho salvati su questo pc, gli altri li metto appena recupero la chiavetta "tematica":

Dieta a basso consumo di carbs e sintomi di colon irritabile
http://www.cghjournal.org/article/S1542-3565%2809%2900198-0/abstract
Low carb e colesterolo
http://corporate.dukemedicine.org/news_and_publications/news_office/news/9412
Come una dieta low fat non migliori la sensibilità insulinica
http://www.medwirenews.com/40/89740/Lipidology_News/Low-fat_diet_fails_to_improve_insulin_sensitivity_in_metabolic_syndrome.html

Basi sceintifiche della paleo (Blog di un medico, ci trovi anche tutte le testimonianze sulle persone che ha curato)
http://sanipersempre.com/2012/11/28/la-paleo-dieta-migliora-i-parametri-metabolici-anche-senza-perdere-peso-le-basi-scientifiche-della-paleo-2/
paleo e fertiltà (può interessarti, Panic!)
http://sanipersempre.com/2014/01/20/prima-volta-della-paleo-alimentazione-ad-un-congresso-medico-in-italia-fertilita-risultati-strabilianti-nelle-malattie-autoimmuni/
aggiungo: in fondo a questa pagina, una carrellata di articoli scientifici a mio avviso interessanti come contraddittorio, se di scienza si parla.
http://sanipersempre.com/2012/02/13/vegetariano-no-grazie/
Mi spiace che siano tutti in inglese, spero possiate leggerli.
avatar
Elisina

Numero di messaggi : 8703
Età : 40
Data d'iscrizione : 22.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da naturElly il Sab Nov 22, 2014 5:38 pm

Panic ha scritto:Per ultimo vorrei molto mettere in guarda dal concetto pericolosissimo che certi fanatismi promuovono nella nostra epoca, ed è quello di "curare il corpo" (da qualsiasi male) con la dieta. La dieta è la base, ma non possiamo purtroppo assolutamente illuderci che il cibo sia medicamentoso in alcun senso, né che possa tantomeno invertire processi già in atto.
Io penso che non si debba fare del terrorismo ma che il mondo giri al contrario di quello che dici tu. La maggior parte della gente non si interessa minimamente dell'impatto che il cibo ha sulla sua vita e sulla sua salute. Basti pensare a dati di un 30-35% di obesi al mondo e ai dati sconcertanti sull'obesità infantile.
Io vorrei invece passasse il concetto di Ippocrate:Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo (incluso l'affiancamento della cura alimentare alle cure mediche tradizionali) e l'alimentazione sia importantissima per la prevenzione. In un contesto mondiale del genere penso che la tua frase sia molto rischiosa.
linda ha scritto:Le mie esperienze di vita, dopo tanti anni di riflessioni in merito, è che siamo tutti connessi, piante, animali uomini quindi l'aspetto etico non va sottovalutato, perchè se una cosa mi fa bene di solito fa bene anche agli animali ed all'ambiente
Io sono arrivata alle stesse considerazione prima di aver letto il libro e non potrei mai tornare indietro a mangiare proteine animali perché il mio corpo non me le chiede assolutamente, anzi le rigetta. Per quanto riguarda la regressione delle malattie con l'alimentazione io ne sono una prova vivente, ma ci sarebbero testimonianze infinite da portare....
Elisiana ha scritto:Ma che la dieta di cui parli sia giusta per tutti, sia l'unico modo di mangiare sano, non sono d'accordo.
Come già detto non impongo agli altri la mia opinione, ma è giusto che tutti sappiano che ci sono studi importanti che mettono in seria discussione l'utilizzo delle proteine animali nella nostra dieta e che le sconsigliano per una prevenzione di molte malattie. Poi ogni persona in base a quello che sente, ai propri ragionamenti troverà la strada giusta per se.
avatar
naturElly

Numero di messaggi : 928
Età : 40
Località : Verona
Data d'iscrizione : 13.07.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Panicqueen il Dom Nov 23, 2014 3:23 pm

Io infatti ho scritto che "la dieta è la base" (della salute), il mio è un invito a tutti di non illudersi di curare malattie solo con il cibo perché questo si, che può costare la vita davvero. Fosse anche solo perché non siamo al tempo di Ippocrate e i nostri alimenti sono tutti, dove più dove meno, toccati dall'inquinamento e altre forme di adulterazione. E in generale perché sostengo che il cibo questo potere curativo non lo abbia, preventivo sì, ma è un altro discorso.

Poi non ci sono prove né in un senso né nell'altro (rispetto a questa ultima affermazione), perciò a ciascuno le sue valutazioni.
La relazione tra carboidrati, proteine (che esistono sia animali che vegetali, vorrei ricordare) e salute, invece, quelli oggi sono dati di fatto.

_________________
Jessica Borgogni
Fertility Educator
Metodo Ladyfertility per la Fertilità Consapevole™
Contraccezione naturale sicura, Ricerca di gravidanza e Salute riproduttiva


I miei grafici di fertilità: http://www.fertilityfriend.com/home/1db1de

Segui tutte le novità di Ladyfertility anche su Facebook
avatar
Panicqueen
Admin

Numero di messaggi : 31178
Età : 33
Data d'iscrizione : 12.04.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.ladyfertility.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da sea il Dom Nov 23, 2014 6:07 pm

Ho letto con molto interesse. Premetto che io solo con i carboidrati della frutta non riuscirei neanche a stare in piedi, però ho notato che anche mangiando molti carboidrati mi sento gonfia e non sto benissimo.
Quindi ho capito che la verità sta nel mezzo, almeno per me...e sto cercando l'equilibrio per me e per la mia famiglia.
I cereali cerco di ruotarli, di non mangiarne tanti e sto quasi completamente passando all'integrale....ma scusate...senza i miei 50 grammi di pasta/ riso/ farro o quello che volete non riesco molto a non avere fame
Per la carne ormai ho abolito quasi totalmente quella rossa, perchè non mi piace e mi fa venire acidità di stomaco....però la carne bianca la mangio, pochissima ma la mangio, di pollo e rigorosamente bio.
Anche i latticini....consumiamo solo parmigiano e yogurt naturale, Chiara poco latte rigorosamente bio, solo la mattina.
Ecco, le proteine animali non le abbiamo eliminate, ma cerchiamo di mangiarne poche e "felici". I cereali, abbiamo quasi del tutto eliminato i bianchi...lo zucchero solo integrale.
Ma di fare eliminazioni drastiche non me la sono sentita...perchè se mangio troppe proteine animali sto male, se mangio troppi carbo idem....quindi per me la verità sta nell'equilibrio
E per me le uniche intoccabili sono le verdure, da mangiare secondo la stagione, perchè solo quelle di stagione ci danno ciò di cui abbiamo bisogno per quel determinato periodo.
Io ad esempio ormai da anni evito di mangiare i pomodori, le zucchine e compagnia bella in autunno/inverno...e non me ne importa nulla se tanto in serra crescono uguale...non è quello che ha previsto per me la natura in questo periodo e mi basta.
Io credo che il nostro corpo ci comunichi tantissimo in fatto di alimentazione
avatar
sea

Numero di messaggi : 5450
Età : 40
Data d'iscrizione : 19.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da naturElly il Dom Dic 28, 2014 2:16 pm

Un altro grande sostenitore del The China Study è Michele Riefoli che ha scritto il libro: Mangiar Sano e Naturale con Alimenti Vegetali Integrali, Macro Edizioni, 2011. Ve lo consiglio. Una vera enciclopedia di benessere.
Sto ancora finendo di leggerlo, ma visto il caldo dibattito sull'uso delle proteine animali che c'è stato in questo post volevo condividere con voi una citazione di Plutarco (presente nel libro di Riefoli) che mi ha fatto molto riflettere perché è di una attualità sorprendente.
Plutarco nel suo De esu carnium (del mangiar carne, Trattato sugli animali) attacca coraggiosamente l'antropocentrismo su cui si basa la concezione greca dell'universo. Egli afferma che mangiare carne non è naturale per l'umanità, ma un passaggio traumatico della sua storia. Così cerca di dimostrare che la carne fa male al corpo e alla mente, avvelenando il primo e appesantendo la seconda.
Plutarco - Del mangiar carne - discorso I
Tu vuoi sapere secondo quale criterio Pitagona si astenesse dal mangiare carne, mentre io mi domando con stupore in quale circostanza e con quale disposizione spirituale l'uomo toccò per la prima volta con la bocca il sangue e sfiorò con le labbra la carne di un animale morto; e imbandendo mense di corpi morti e corrotti, diede altresì il nome di manicaretti e di delicatezze a quelle membra che poco prima muggivano e gridavano, si muovevano e vivevano?
(...)
5a Consideriamo senz'altro assurda la convinzione di quanti affermano che l'uso di mangiare la carne abbia una origine naturale. Che l'uomo non sia carnivoro per natura, è provato in primo luogo dalla sua struttura fisica. Il corpo umano infatti non ha affinità con alcuna creatura formata per mangiare la carne: non possiede becco ricurvo, né artigli affilati, né denti aguzzi, né viscere resistenti e umori caldi in grado di digerire e assimilare un pesante pasto a base di carne. Invece, proprio per la levigatezza dei denti, per le dimensioni ridotte della bocca, per la lingua molle e per la debolezza degli umori destinati alla digestione, la natura esclude la nostra disposizione a mangiare carne. Se però sei convinto di essere naturalmente predisposto a tale alimentazione, prova anzitutto a uccidere tu stesso l'animale che vuoi mangiare. Ma ammazzalo tu in persona, con le tue mani, senza ricorrere a un coltello, a un bastone o a una scure.
avatar
naturElly

Numero di messaggi : 928
Età : 40
Località : Verona
Data d'iscrizione : 13.07.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: The China Study - Alimentazione vegetale naturale e integrale

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum