Home-schooling

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Home-schooling

Messaggio Da Ellyy il Lun Mar 21, 2011 1:47 pm

mononoke ha scritto:elly, ma quindi tu fai istruzione parentale?

Sì, istruzione parentale, ovverossia "homeschooling".
Per ora, ufficialmente solo con Margherita, la più grande, che a giugno sosterrà il suo primo esamino.
Però, effettivamente, lo facciamo da sempre, con enorme soddisfazione, con tutti i nostri bambini...
Vi posto alcune FAQ da:http://www.controscuola.it/faq/

1. Cos'è la scuola familiare o paterna (homeschooling)?
La scuola familiare o paterna è l'istruzione tra le mure domestiche (e non solo) impartita dai genitori o da altre persone scelte dalla famiglia.

2. E' legale non mandare i miei figli a scuola?
Si, è legale non mandare i propri figli a scuola. E' l'istruzione ad essere obbligatoria, ma non la scuola.

3. Cosa devo fare se voglio tenere mio figlio/a a casa ed educarli senza l'ausilio dell'Istituzione Scolastica?
Dovete presentare un modulo al dirigente scolastico del vostro circolo dove dichiarate che vi occuperete dell'istruzione di vostro figlio/a. Bisogna dare testimonianza delle proprie capacità tecniche o economiche. Dovrete inoltre preparare un curriculum scolastico che dovrà essere approvato dal circolo didattico al quale appartenete. Questo curriculum non dovrà obbligatoriamente seguire il curriculum scolastico tradizionale, gli argomenti di studio possono essere scelti dai genitori.

4. Come fa la scuola ad assicurarsi che i bambini stiano ricevendo una giusta istruzione?
Al termine di ogni anno scolastico (verso giugno) una commissione scolastica esaminerà il bambino e deciderà se farlo passare all'anno successivo o no (questo se volete che il bambino passi alla classe successiva). Ciascuna famiglia dovrebbe prendere accordi personali con il proprio circolo scolastico di appartenenza che informerà i genitori circa il tipo di esame che il bambino dovrà sostenere.

5. Perchè le famiglie non vogliono mandare i propri figli a scuola?
Le motivazioni sono molteplici: possono essere di natura religiosa, linguistica, perchè la scuola non riesce a soddisfare le necessità del singolo, perchè gli episodi di bullismo e violenza sono sempre più frequenti o semplicemente perchè i genitori non vogliono delegare ad altri il compito fondamentale di educare i propri figli.

6. Ci sono altre famiglie che hanno scelto la scuola familiare in Italia?
Pur rimanendo una minoranza ci sono altre famiglie italiane che hanno scelto la scuola paterna: risalgono agli anni ottanta i primi casi di homeschooling all'italiana e vi sono anche alcune famiglie straniere in Italia che decidono di istruire personalmente i propri figli.

7. Come farà mio figlio a socializzare senza andare a scuola?
Innanzitutto bisogna chiedersi che tipo di socializzazione sia quella che vivono i bambini a scuola. Essere chiusi in un edificio, confinati in una classe di bambini che hanno tutti o quasi la stessa età, dove bisogna stare seduti per la maggior parte del tempo e dove si deve persino chiedere il permesso per andare in bagno non mi pare sia la situazione ideale che favorisca la socializzazione. Per non parlare dei casi di bullismo più o meno gravi, della competitività esasperata, della ricerca di status futili e dannosi (giocattoli, vestiti firmati, videogames, tabagismo, ecc), tutti esempi di una socializzazione "malata". Socializzare significa avere a che fare con persone di tutte le età e mettersi in relazione con esse in luoghi e situazioni differenti. Per i più piccoli basterebbe andare al parco o invitare a casa gli amici del quartiere, per i più grandi ci sono sport, corsi di musica, arte, il teatro, le vacanze estive in gruppo e quant'altro venga organizzato dai comuni di appartenenza.

8. Come faccio a sapere se sarò un bravo insegnante per mio figlio/a?
Da milioni di anni gli esseri umani tramandano le loro conoscenza dai genitori ai figli, in passato coloro che erano definiti insegnanti e che quindi facevano questo mestiere erano pochi. Il concetto di "insegnate qualificato" è cosa recente, ora si pensa che per poter insegnare bisogna passare molti anni della propria vita preparandosi a farlo, passando innumerevoli test che spesso non sono in grado di valutare la reale abilità del candidato. Coloro che sanno veramente insegnare sono consapevoli che per farlo bisogna innanzitutto conoscere a fondo la persona alla quale si sta parlando, che mostrare come si fa qualche cosa è meglio di raccontarlo e che lasciarlo fare all'interessato è ancora più utile, che bisogna seguire il ritmo della persona che vuole apprendere, che bisogna ascoltare e rispondere alle domande invece di farle e infine che non bisogna spazientirsi o addirittura spaventare chi si ha davanti. E' chiaro che queste cose non si imparano ai corsi per diventare docenti, ma nella vita di tutti i giorni, e che spesso gli insegnati nelle nostre scuole non hanno questo tipo di approccio. Nessuna istituzione scolastica può competere con dei genitori amorevoli, organizzati e pieni di buona volontà.
avatar
Ellyy

Numero di messaggi : 2159
Età : 39
Località : Cento (FE)
Data d'iscrizione : 31.01.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da mononoke il Lun Mar 21, 2011 2:07 pm

eeeellyyyyy
con cinque, ma come fai ??
ma sei organizzata con altri genitori o fai tu?
segui il programma ministeriale (che è eccessivo secondo me, non mi pare possibile che davvero i bambini a sei anni possano studiare tutte quelle cose..)?
come va con il tuo direttore scolastico? ti fa storie?
ma soprattutto, me lo spieghi come ti è uscita dal cuore una scelta così?
ti prego lo voglio proprio sapere
comunque che sia un percorso entusiasmante lo immagino, io mi sono già entusiasmata in questo percorso di scuola dell'infanzia :


senti ma questo blog lo conosci?
http://miofiglioascuolanoncelomando.blogspot.com/

per rispondere a rana che scriveva di là, in realtà tutte le scuole steineriane nascono per iniziativa dei genitori, non è impossibile

poi non vorrei andare ot parlando anche delle scuolette libertarie, ma in realtà sono una forma 'estesa' di home-schooling anche perchè spesso sono i genitori stessi gli insegnanti.
a parte il sito di riferimento per i genitori che si imbarcano in questa impresa:
www.educazionelibertaria.org
c'è il progetto anche in emilia romagna
www.educaresano.net

avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da Ellyy il Lun Mar 21, 2011 4:09 pm

Eccomi! Dunque, come dici tu, è una scelta che esce proprio dal cuore... nel senso di un cammino bello e progressivo che ti fa vedere e scoprire ogni giorno i talenti individuali ed irripetibili di ogni singolo bambino, e vivere come "spreco" il rinchiuderli in una struttura che -il più delle volte- non può -per sua stessa natura- che omologare ed appiattire la ricchezza che ognuno si porta dentro, anzichè farla sbocciare e fruttificare.
La cosa più bella è proprio percorrere questa strada insieme, giorno per giorno, programmando sì (mi va, in questo, circa un'oretta ogni giorno), ma anche vivendo ogni loro curiosità naturale come uno stimolante punto di partenza che poi ti fa ri-partire, limare, ri-definire il percorso, passo dopo passo. Questo è relativamente semplice con una bambina come la mia Margherita, naturalmente molto portata per "l'apprendimento", posata e riflessiva. Ma è, forse, ancor più stimolante ad arricchente (per lei e per noi) con chi -come la mia seconda bimba Camilla- non è perfettamente "allineata" ai suoi coetanei. Niente di grave, per carità: ma un ritardo nella produzione del linguaggio ed in alcune fasi di crescita, senza però problemi cognitivi. Una bimba come lei, in un contesto scolastico, verrebbe (e veniva) soffocata e frenata, etichettata in maniera un po' negativa... insomma, ali proprio tarpate. Da quando, invece, a casa, io e mio marito ci stiamo occupando di lei in maniera più mirata... è fiorita letteralmente! Imparando a colorare, disegnare e distinguere diverse lettere dell'alfabeto in pochissimo tempo!

La direzione didattica, per ora, non ha posto nessun freno, nè fatto storie. La legge è dalla nostra parte ed il loro impegno, in effetti, è ben inferiore a scolarizzare 4-5 bambini!

Quanto ai programmi... io mi baso un po' su una guida didattica, bazzico per un sacco di siti di scuola e "contro-scuola", ma poi si va molto anche "a braccio", seguendo i naturali interessi di ciascun bambino, passo dopo passo...
avatar
Ellyy

Numero di messaggi : 2159
Età : 39
Località : Cento (FE)
Data d'iscrizione : 31.01.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da Luthien il Lun Mar 21, 2011 4:37 pm

Tutto ciò è davvero molto interessante però ovviamente richiede molto tempo libero da parte di uno dei genitori perché lavorando entrambi sarebbe sicuramente un'opzione da scartare...ma Elly come fai ad insegnare ai tuoi bambini essendo così tanti?cioè immagino che ognuno di loro segua un programma diverso giusto?e come fai a regolarti con gli orari delle "lezioni"?hai impostato la cosa a mo di scuola con orari precisi oppure no?
Inoltre l'home schooling è previsto fino alle scuole medie, giusto?Una volta finite queste scuole comunque il ragazzo dovrà andare in una scuola tradizionale...non potrebbe essere difficile poi adattarsi al mondo scolastico tradizionale?scusate le tante domande ma questo argomento mi incuriosisce non poco
avatar
Luthien

Numero di messaggi : 7908
Età : 32
Località : Roma
Data d'iscrizione : 12.05.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da mononoke il Lun Mar 21, 2011 6:22 pm

va beh, guarda posso solo dirti che sono incantata!
conosco altre famiglie che fanno homeschooling, ma ogni volta è la scoperta di un mondo

Una bimba come lei, in un contesto scolastico, verrebbe (e veniva) soffocata e frenata, etichettata in maniera un po' negativa... insomma, ali proprio tarpate.

su questo non ho dubbi, soprattutto in questo momento con tagli, invalsi, la scuola è in un momento difficile, anche per gli insegnanti di buona volontà.
hai mai letto di jan hunt 'genitori con il cuore'?
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da ranavalentina il Lun Mar 21, 2011 6:40 pm

mono per le scuole steineriane ti rispondo sul topic apposito!

I miei dubbi principali come dicevo nell'altro topic sono da un lato che secondo me è giusto che i bambini possano raffrontarsi con figure che rappresentano l'autorità che non siano esclusivamente i genitori, perchè volenti o nolenti tutti abbiamo dei limiti, e anche se l'ambito familiare è il più importante io trovo che sia un po'limitante.
Credo che i bambini col passare degli anni abbiano la necessità di passare un po'di tempo ogni giorno lontani dai genitori.
L'altro punto è la socializzazione e il confronto con i coetanei, le amicizie che che nascono a scuola e che insegnano al bambino a rapportarsi con un gruppo, sia in positivo sia in negativo perchè comunque proteggendo eccessivamente i bambini dalla realtà sociale e di gruppo non si rischia che poi una volta catapultati in queste realtà si trovino spiazzati?
D'altrocanto anch'io sarei preoccupata a mandare i miei figli in una scuola qualsiasi, però come dicevo mi orienterei più volentieri su una via di mezzo tipo una scuola steineriana dove dal mio punto di vista ci sono i vantaggi di una scuola ma senza gli svantaggi principali tipo l'incitamento alla competizione, all'omologazione ecc..
avatar
ranavalentina

Numero di messaggi : 4585
Età : 34
Località : Liguria/Lombardia
Data d'iscrizione : 27.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da mononoke il Lun Mar 21, 2011 7:14 pm

ma guarda rana, non c'è dubbio che ogni scelta abbia la sua parte negativa eh.
e penso che dipenda anche dal bambino, conosco famiglie in cui alcuni bimbi hanno chiesto esplicitamente di andare a scuola e l'hanno fatto.
però dal punto di vista della realtà protetta io trovo che la scuola steineriana sia molto più rischiosa perchè mentre il bimbo che sta a casa poi di solito esce, fa attività extrascolastiche 'normali' (tipo mio figlio grande le fa) con bambini 'normali' e quindi ci si confronta (quindi la scuola familiare in questo caso serve soprattutto a proteggere la fisiologia dell'apprendimento), nella scuola steineriana si crea una micro società fatata e di solito il bimbo viene in contatto prevalentemente con quella, e allora, volendo, sì che diventa iperprotetto, anche se io ho conosciuto miei coetanei che avevano frequentato questa scuola per anni e poi fatto l'università senza problemi.
ti dirò, per come sono fatta io, mi piace molto questa cosa di avere una comunità affine di riferimento, ma mi sembra decisamente più protettivo della scuola a casa.
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da Ellyy il Lun Mar 21, 2011 7:56 pm

Ragazze, sono tutte domande e dubbi che ci siamo posti anche noi, io in particolare. Ma, per ora, questa è la via che abbiamo scelto ponderando tanti aspetti, e che ci piace e soddisfa pienamente. I miei figli, intanto, sono in 4 (quasi 5), ed il confronto, lo scambio ed il conflitto da gestire e risolvere sono all'ordine del giorno. Poi, occasioni di socializzazione non mancano, certo! Personalmente, non trovo meno utile e formativo interagire con persone di tutte le età, e con altri bambini, anche in contesti diversi da quello scolastico in cui, comunque, la mediazione dell'adulto c'è sempre.
Per i ritmi, noi ci organizziamo, di solito, con un'oretta al mattino, per tutti (ma con diverse attività/programmazioni) circa tra le 9 e le 10 e poi, per la più grande, un'altra oretta al pomeriggio. Il tutto tra italiano, matematica, disegno, attività artistica e lettura. In più, uscite quasi quotidiane, gite e giretti vari di approfondimento, attività di manipolazione in cucina e all'aria aperta, danza 1 volta a settimana, biblioteca ed altro.

Per quanto riguarda la possibilità di proseguire oltre, la legge parla di primaria e medie solo perchè è (era) quella la scuola dell'obbligo. Dopo, se si dimostra di possedere le competenze (o di delegare a persona/e competenti gli aspetti che non si possono coprire da sè), nessun divieto.
Inoltre, credo che un'adeguata "corazza" formatasi in tenera età, possa poi proteggere da eventuali problemi e/o brutti incontri/esperienze future.

In tutto ciò, ovviamente, l'impegno è tanto, la fatica e la responsabilità pure. Ma vi assicuro che, in una-due orette al giorno di insegnamento individualizzato, si possono ottenere risultati ben superiori -dal punto di vista didattico-formativo - rispetto alle canoniche 8 ore scolastiche.
avatar
Ellyy

Numero di messaggi : 2159
Età : 39
Località : Cento (FE)
Data d'iscrizione : 31.01.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da nike il Mar Mar 22, 2011 10:25 am

Condivido molti dei pensieri di Elly e Mono (tranne che la scuola steineriana sia più protetta ancora dell'home-schooling rispetto all'esterno: guarda che anche i bambini delle scuole waldorf hanno dei cugini, fanno attività sportive, vanno in biblioteca... e nella scuola pubblica comunque io avevo relazioni vere giusto con le due o tre famiglie che sentivo affini a me, quindi tanto vale! ) Il mio dubbio invece è l'unilateralità della relazione. Cioè, in una comunità lo troverei fantastico, perchè quello che non fanno con me faranno con un'altra mamma, ma non parlo di didattica, perchè per quello ti prepari e lo puoi fare, parlo del fatto che ognuna di noi ha un carattere, un'energia, cose che ama e cose che no, e soprattutto ogni mamma si "aggancia" con ognuno dei suoi bambini in un modo particolare, sappiamo tutte che con uno non abbiamo bisogno di parlare mentre l'altro a volte fatichiamo a comprenderlo, e magari per il babbo è il contrario. Allora se pensassi che i miei bambini possono avere intorno una comunità di adulti che possa fornire loro mille diverse sfaccettature lo troverei perfetto. Insomma, per la serie ci vuole un villaggio per crescere un bambino!
avatar
nike

Numero di messaggi : 5592
Età : 45
Località : Toscana
Data d'iscrizione : 11.06.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da mononoke il Mar Mar 22, 2011 2:16 pm

nike, ti quoto in tutto.
in realtà quello che dicevo sulla scuola steineriana vs home schooling è che il 'confronto' non è quello che fa la differenza tra un'opzione e l'altra, visto che rana diceva che avrebbe propeso per la scuola per non correre il rischio di proteggere troppo. a me sembra che al massimo il livello di protezione può essere uguale.
mentre sicuramente fa la differenza quello che dici tu, ed è il motivo per cui sto cercando di partecipare alla fondazione di una scuoletta ed ho valutato in alternativa anche di trasferirmi per andare in una piccola bellissima scuola steineriana!
però c'è da dire che io non sento di avere le risorse emotive per sostenere così tanto la relazione con i miei bimbi, già ora mi rendo conto che fatico, mentre magari per elly e per altre madri può non essere così, insomma, io ho capito che non me la sento, ma immagino che l'ostacolo non sia ugualmente alto per tutti.
leggendo la serenità delle parole di elly ad esempio non ho dubbi che lei sia centrata e ce la stia facendo.
inoltre devo dire che tutti gli homeschoolers che conosco instaurano sempre relazioni con altre famiglie e finiscono per dividersi i compiti educativi e ritrovarsi, anche se magari solo in certi periodi dell'anno.
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da Panicqueen il Mar Mar 22, 2011 2:40 pm

Io quando ero in prima liceo ho considerato molto seriamente l'idea di fare la privatista a casa, perché nel mio contesto scolastico non mi trovavo per nulla bene dal punto di vista sociale. Zero stimoli, zero benefici. Alla fine non ho perseguito quella strada perché mia mamma, nonostante avesse accolto piuttosto seriamente la mia richiesta, penso temesse lo stigma sociale.
In retrospettiva posso dire che per me sarebbe stata la scelta giusta, perché ho sempre lavorato meglio da autodidatta e perché il non essere vincolata agli orari scolastici mi avrebbe forse permesso di coltivare meglio altre mie inclinazioni artistiche (quanto tempo si spreca in materie completamente inutili???) Questo per dire che secondo me, specialmente dopo aver valutato i propri figli e le loro inclinazioni, potrebbe decisamente essere una scelta valida. In America è estremamente comune.

_________________
Jessica Borgogni
Fertility Educator
Metodo Ladyfertility per la Fertilità Consapevole™
Contraccezione naturale sicura, Ricerca di gravidanza e Salute riproduttiva


I miei grafici di fertilità: http://www.fertilityfriend.com/home/1db1de

Segui tutte le novità di Ladyfertility anche su Facebook
avatar
Panicqueen
Admin

Numero di messaggi : 31381
Età : 33
Data d'iscrizione : 12.04.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.ladyfertility.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da likethewind il Mar Mar 22, 2011 2:59 pm

Sono contenta che abbiate aperto questo topic, l'argomento mi interessa molto!
Più volte il mio ragazzo (professore di italiano, latino e greco in un liceo), constatando lo stato penoso in cui si trova la scuola di oggi, ha buttato lì, a mo' di battuta, che non gli dispiacerebbe se i nostri figli un domani restassero a casa... Ed io non credevo che fosse possibile, da un punto di vista legale! Shocked
Certo, come avete detto un po' tutte, dipende soprattutto dalle inclinazioni del bambino (come dice mononoke, se desidera andare a scuola credo sia sbagliato non mandarlo), dal tempo che hanno i genitori, ecc.
Per adesso anche solo sapere che esiste questa possibilità e leggere delle vostre esperienze concrete a riguardo vale molto, perché ci permetterà di fare una scelta, quando sarà!
avatar
likethewind

Numero di messaggi : 1013
Età : 29
Località : Calabria
Data d'iscrizione : 14.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da mononoke il Mar Mar 22, 2011 3:07 pm

volevo segnalarvi che ora sulla home page di educazione libertaria parlano del progetto di scuoletta a genova. ci sono anche le linee guida.
non conosco il progetto benissimo perchè mi sto inserendo ora, ma le linee guida mi sembrano favolose

http://www.educazionelibertaria.org/
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da Martinamarina il Mar Mar 22, 2011 3:25 pm

elly, che dire complimenti! fai una cosa bellissima per i tuoi figli
mono spero che i tuoi progetti vadano in porto!
anche io mi sto informando su queste realtà, ma non so se ce la farei a metterle in pratica, non mi sento all'altezza.
Panic, like, io quest'anno sto facendo quello che dite voi, faccio scuola da sola , da autodidatta...è un'idea pensata bene se non dovete badare a bambini Cool
a maggio farò gli esami per l'ammissione all'esame di stato e poi se sarò ammessa a fine giugno ci sarà l'esame di stato dove mi presenterò da privatista.
volendo questa cosa si potrebbe fare per tutti i 5 anni di superiori, basterebbe fare verso maggio gli esami integrativi ogni anno e passarli e naturalmente avere qualcuno che ti pssa aiutare per gli argomenti specifici.
io ho fatto questa scelta un po' per una questione logistica (non volevo lasciare la bimba,piccolissima, per la scuola) e anche perchè facendo due conti a scuola di "studio vero" ci saranno state complessivamnete due ore, il resto era sostituzioni, chiacchere e perdite di tempo dietro un professore che spiegava leggendo pari pari dal libro, infatti io di solito a scuola studiavo per il giorno dopo tongue
avatar
Martinamarina

Numero di messaggi : 826
Età : 26
Data d'iscrizione : 30.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da ranavalentina il Mar Mar 22, 2011 5:49 pm

Ecco nike forse ha spiegato un po'meglio quello che volevo intendere!
Personalmente anch'io non mi sentirei di fare home schooling da sola, perchè mi mancano proprio i contenuti in molte materie e perchè non vorrei rinunciare completamente al lavoro, ma al di là di questo quello che mi lascia più scettica è appunto il rapporto coi soli genitori in tutti gli ambiti didattici. Già dividersi i compiti e le ore con altri genitori e inserire nella classe altri bambini (anche pochi ma che non siano esclusivamente fratelli o sorelle) mi convince molto più come possibilità Scegliere di fare le superiori da privatista è tutto un'altro paio di maniche, perchè è una scelta più consapevole..
Sarà che per me la scuola elementare è stata un'esperienza davvero fondamentale, mi arricchita tanto, mi ha aiutata a superare una forte timidezza che da piccola mi era davvero di ostacolo e mi ha iniziata ai rapporti di amicizia e di gruppo.. e quindi mi viene difficile vedere come completa un'esperienza di scuola solo interfamiliare..
avatar
ranavalentina

Numero di messaggi : 4585
Età : 34
Località : Liguria/Lombardia
Data d'iscrizione : 27.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da mononoke il Mar Mar 22, 2011 6:02 pm

vedi rana, dipende tanto tanto da bambino e circostanze ...
per me invece le elementari sono state un vero incubo, facevo il tempo no pieno, strapieno, e sono andata a cinque anni compiuti da poco ...
io ho dovuto recuperare da adulta i problemi accumulati a scuola, altro che arricchimento, e sicuramente se mi avessero tenuto a casa per come sono ed ero io sarebbe stato una grande regalo.
tanto che ti dirò, soffrivo di una sorta di dissociazione per cui appena c'erano intervalli o momenti in cui avrei dovuto stare con gli altri, mi inventavo un amico immaginario e cercavo di stare il più lontano possibile da chiunque, inventavo delle storie pazzesche e poi non riuscivo più a distinguerle dalla realtà, per non parlare dei problemi alimentari ...
solo che in compenso, per cercare di farmi accettare soprattutto da mia madre, investivo tutto sui risultati scolastici, per cui ero 'bravissima' e di conseguenza i miei problemi ignorati.
se ripenso ai momenti in cui mia nonna mi insegnava a ritagliare, la storia, i miti, mi sembrano gli unici momenti in cui ho veramente imparato qualcosa ed in cui ero felice ed avrei potuto mettere le basi per dei rapporti migliori con gli altri negli anni a venire, invece che rimanere schoccata da piccola e poi non poter più essere in grado di recuperare se non in parte con una graaande consapevolezza e lavoro, ma tanto tempo perso.
scusate l'amarezza, ma io non ho dubbi, che se anche i miei figli dovessero trovarsi in simili difficoltà, anche nella migliore delle scuolette libertarie (ed io penso che il rischio sia decisamente più basso), mollerei tutto e me li terrei a casa con me.
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da ranavalentina il Mar Mar 22, 2011 6:22 pm

Certo mono, lo capisco, anch'io se i miei figli dovessero avere difficoltà del genere troverei sicuramente il modo di tenermeli a casa..probabilmente piuttosto mollerei anche il lavoro! Però appunto la mia esperienza è così diversa, che vedo le cose da un altro punto di vista. Io a casa non avevo un ambiente così accogliente e per me la scuola era un'ancora di salvezza, un luogo spensierato lontano dalle dinamiche familiari. E un luogo dove avevo una mia identità e un mio ruolo che poteva essere diverso da quello che avevo a casa, un luogo dove ero libera di sperimentare altro, non solo un legame di figlia.. Mi auguro con tutto il cuore di poter dare ai miei figli un ambiente familiare più sano e leggero di quello in cui sono cresciuta io, ma nonostante ciò avrei paura di limitare in qualche modo le loro possibilità di sperimentazione, di incontro, di relazione a decidere di tenerli a studiare a casa solo con me come insegnante e solo con i loro fratelli come compagni di studi..
Ovviamente è una scelta molto soggettiva che è difficile slegare dalla propria esperienza..
avatar
ranavalentina

Numero di messaggi : 4585
Età : 34
Località : Liguria/Lombardia
Data d'iscrizione : 27.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da mononoke il Mar Mar 22, 2011 6:51 pm

lo so, capisco, anche il mio compagno ha un'esperienza positiva della scuola ed è molto più sereno sull'argomento (meno male dico io).
però per me resta sempre 'sbagliata' in alcuni suoi presupposti la scuola per com'è ora, soprattutto dal punto di vista dell'apprendimento, per cui vorrei comunque trovare un'alternativa, lasciando come dici tu la possibilità ai bimbi di vivere uno spazio più loro (e a me di ricominciare a lavorare ), sempre che non diventi invece un ostacolo.
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da sea il Mer Mar 23, 2011 11:11 am

Sto seguendo il topic con molto interesse e curiosità...e inoltre io ero assolutamente ignara del fatto che si potessero non mandare i figli a scuola. Però mi trovo molto combattuta e non riesco a prendere una posizione, in generale mi ritrovo molto negli interventi di Rana, nel senso che per me, nel bene e nel male, la scuola è stata un'importantissima palestra di vita, dove ho anche conosciuto insegnanti straordinari che mi hanno dato tantissimo...e in più è stato il luogo dove ho fatto le amicizie più importanti della mia vita, è per questo che "forse" non me la sentirei mai di non mandare a scuola i miei figli.
In più mi ritrovo tantissimo in questa considerazione fatta da Mono

mononoke ha scritto:
però c'è da dire che io non sento di avere le risorse emotive per sostenere così tanto la relazione con i miei bimbi, già ora mi rendo conto che fatico, mentre magari per elly e per altre madri può non essere così, insomma, io ho capito che non me la sento, ma immagino che l'ostacolo non sia ugualmente alto per tutti.


Ecco io non sento di avere la lucidità emotiva per essere "anche" l'insegnante dei miei figli, per me sarebbe troppo coinvolgente...non ci dormirei la notte ecco! Inoltre non sento di avere l'organizzazione mentale per poter gestire una simile impresa.
Però non posso veramente non fare i complimenti ad Elly per quello che sta facendo, sei proprio straordinaria
avatar
sea

Numero di messaggi : 5461
Età : 40
Data d'iscrizione : 19.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da Ellyy il Mer Mar 23, 2011 1:30 pm

Grazie, ragazze! Mi piace molto questo scambio, è un bello stimolo anche per me...
Volevo solo aggiungere una cosa che, a mio parere, è il vero punto di forza e straordinarietà dell'esperienza della scuola familiare: l'assoluta libertà, insieme all'organicità dell'apprendimento costante, nella perfetta interezza della persona.
Mi spiego meglio: in un mio precedente intervento, rispondendo ad una specifica domanda, ho parlato di 1-2 ore al giorno. Ma, in effetti, non è proprio così, o almeno, non solo. Vivendo tutti insieme, ovviamente, si condiviono tutti gli aspetti del quotidiano, mica solo la lezioncina! Quindi, per esempio, si esce per fare la spesa. Ed ecco che, nel giardino della strada vicina uno dei bimbi nota un uccellino che cinguetta su un albero... un altro, magari, alcuni germogli su un cespuglio; un altro ancora, vede una bella farfallina che svolazza sul prato... ecco, sta proprio tornando la primavera! Poi, si va al mercato: ecco qui la frutta e la verdura della primavera! Allora acquistiamo le fragole, andiamo a casa e prepariamo la nostra torta della primavera, pasticciando tutti insieme.
Da lì, ci viene voglia di approfondire: stampiamo delle "schede", coloriamo, facciamo un dettato e tante letture a tema... raccogliamo le margherite e, prima di metterle nel vaso, le contiamo, addizioniamo, sottraiamo... Ecco qua, un bell'approfondimento interdisciplinare, partito "dal niente"!
Poi, imparare è partecipare, in ogni momento... sera, mattina, pomeriggio, che differenza fa?
E pensate, poi, che bello, quando si inizierà a studiare la storia, o l'arte! Gite, vacanze e giornate interamente dedicate a vedere personalmente ciò che ci ha colpiti... o, perchè no? Viceversa! Siamo a Ravenna, vediamo i mosaici e ci vien voglia di scoprirne di più....
avatar
Ellyy

Numero di messaggi : 2159
Età : 39
Località : Cento (FE)
Data d'iscrizione : 31.01.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da bluce il Mer Mar 23, 2011 1:41 pm

Elly, che sogno..se tu fossi più vicina ti spedirei Viola
Purtroppo nel paesino dove abito la scuola tradizionale è l'unica opzione, le scuole private sono essenzialmente scuole che permettono ai genitori di andare a prendere i figli alle 19.30 (e spesso li tengono davanti alla televisione )
Esiste qualcosina a livello di nido/materna (per lo più nidi-famiglia) ma a partire dalle elementari..niente!
Mi piacerebbe molto poter realizzare l'homeschooling, ma nell'accezzione di nike, all'interno di una comunità..anche a me spaventa un po' l'unilateralità della relazione mamma-bimbo dal punto di vista scolastico, più che altro riconosco l'importanza che possono avere relazioni al di fuori della famiglia, e come possono essere arricchenti per un bambino.

Non è proprio il topic giusto ma può offrire spunti di riflessione..se non l'avete ancora letto ecco la testimonianza di Lorenzo Cherubini (jovanotti) sulla scuola che ha scelto per la propria figlia:
http://www.studenti.it/superiori/scuola/lorenzo-cherubini-difende-la-scuola-pubblica.php
avatar
bluce

Numero di messaggi : 614
Età : 35
Data d'iscrizione : 02.08.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da mononoke il Mer Mar 23, 2011 2:39 pm

Elly ha scritto:
Vivendo tutti insieme, ovviamente, si condiviono tutti gli aspetti del quotidiano, mica solo la lezioncina! Quindi, per esempio, si esce per fare la spesa. Ed ecco che, nel giardino della strada vicina uno dei bimbi nota un uccellino che cinguetta su un albero... un altro, magari, alcuni germogli su un cespuglio; un altro ancora, vede una bella farfallina che svolazza sul prato... ecco, sta proprio tornando la primavera! Poi, si va al mercato: ecco qui la frutta e la verdura della primavera! Allora acquistiamo le fragole, andiamo a casa e prepariamo la nostra torta della primavera, pasticciando tutti insieme.
Da lì, ci viene voglia di approfondire: stampiamo delle "schede", coloriamo, facciamo un dettato e tante letture a tema... raccogliamo le margherite e, prima di metterle nel vaso, le contiamo, addizioniamo, sottraiamo... Ecco qua, un bell'approfondimento interdisciplinare, partito "dal niente"!
Poi, imparare è partecipare, in ogni momento... sera, mattina, pomeriggio, che differenza fa?
E pensate, poi, che bello, quando si inizierà a studiare la storia, o l'arte! Gite, vacanze e giornate interamente dedicate a vedere personalmente ciò che ci ha colpiti... o, perchè no? Viceversa! Siamo a Ravenna, vediamo i mosaici e ci vien voglia di scoprirne di più....

e questo per me è l'apprendimento
e probabilmente così libero e spontaneo non lo può essere nemmeno nella piccola scuola libertaria
una cosa che mi appassiona molto è il risvolto pratico di una nozione, che non deve essere appreso a posteriori, altrimenti tutti gli sforzi per impararla sono stati vani ed eccessivi ... e su come realizzarlo mi scervello sempre.
poi appunto i bimbi ti sorprendono, anche noi stiamo provando l'esperienza del primo approccio all'aritmetica, ma da richiesta del bimbo, ed è nato tutto così semplicemente .. voglio due noci e ne voglio dare due a ettore, quante ne prendo? anche con la bilancia manuale (quella coi pesini) c'è un mondo da ragionare
ti trovo meravigliosa elly, lo dico senza complimento, ed un po' anche ti invidio, invidio la tua pazienza, la tua connessione profonda con i tuoi figli. a me talvolta viene meno, la mia testa inizia a vagare verso l'esterno, verso quello che vorrei e non faccio, verso dei desideri che vorrei realizzare e qui non riesco ... ed a quel punto basta, si rompe quel filo sottile che fà del rapporto un'armonia e stare con i bimbi, imparare con i bimbi, diventa un peso ... è questo il mio personale ostacolo alla scuola familiare, il resto lo trovo superabile, anche se devo dire che se avessi altre famiglie vicine con i bimbi a casa dall'asilo sarebbe tutto molto ma molto più facile ..
ma sulla socialità dei bimbi tenuti a casa ci sarebbe tanto da dire ...
anche sull'articolo di jovanotti ci sarebbe tanto da dire, perfettamente d'accordo con lui sulla necessità di difendere la scuola pubblica, ma qui non si parla di scegliere tra scuola pubblica e scuola privata, è un po' diverso ... e poi, qual'è il prezzo che devono pagare poi i nostri bambini per una idea in fin dei conti politica? forse elly che l'esperienza l'ha provata ce lo sa spiegare meglio.
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da LucyintheSky il Mer Mar 23, 2011 2:44 pm

Molto bello l'articolo, grazie Bluce! Da figlia e nipote di fieri insegnanti della scuola pubblica non posso che essere d'accordo

Sicuramente l'home-schooling in famiglie/piccole comunità come quella di Elly lo vedo fattibile e ammirevole. Ma nella famiglia media, in cui ci sono al massimo 2 figli (magari distanziati per età) non mi sembra proprio il massimo. Almeno, io non lo farei Neutral
avatar
LucyintheSky

Numero di messaggi : 7892
Età : 35
Data d'iscrizione : 29.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da Eowyn il Mer Mar 23, 2011 5:53 pm

Sto leggendo con tantissimo interesse questo topic...
Devo dire che non sapevo assolutamente nulla di questo argomento, proprio non avevo mai pensato che si potesse, per legge, fare una cosa simile! ed è bellissimo sentire le vostre esperienze! Una cosa molto bella di questo forum è il confronto su tanti argomenti dei quali, altrimenti, magari ignoreremmo l'esistenza! Secondo me è bello conoscere, in modo da SCEGLIERE, quando sarà il momento, sapendo tutte le possibilità che ci sono, senza semplicemente omologarsi alla massa e non chiedersi il perchè delle cose e se non ci siano possibilità diverse!

Io non so cosa farò quando avrò figli... certo, credo che l'home schooling sarebbe difficile, penso che quando ci sposeremo lavoreremo tutti e due, ma a parte quello penso, come mononoke, che non sarei in grado di gestire una cosa del genere, per come sono fatta io... :) ma questi sono tutti "penso" e "forse", chissà quando arriverà il momento cosa accadrà! Comunque Elly, ti ammiro davvero molto per questa tua scelta, e come descrivi il tuo modo di insegnare ai tuoi bimbi...è fantastico!! I love you sei davvero brava, complimenti!

Una cosa che mi incuriosisce, è il rapporto con gli altri bambini... cioè, i bambini saranno poi preparati ad un ambiente non così protetto come la famiglia? alle superiori dovranno affrontare compagni di classe e tutto quello che l'adolescenza comporta... come li si prepara, con l'home schooling, in questo senso?
non sto dicendo che la scuola normale prepari bene... anzi! mi incuriosisce questo punto...
vi racconto la mia esperienza: io e mia sorella eravamo bambine mooolto timide (io soprattutto, e un po' lo sono ancora adesso)... mia mamma ha detto che secondo lei è stato così perchè invece di mandarci al nido ci lasciava con i nonni (lei studiava e lavorava), e quindi non siamo state abituate a stare in un ambiente extra-familiare... Io non so se abbia ragione, fatto sta che i ricordi belli della mia infanzia sono tutti legati ai giochi con mia sorella e alle gite con i miei genitori...nessun ricordo bello è legato alla scuola, nessuno! noi eravamo le "secchione", ci impegnavamo in tutto, e per questo gli altri bambini ci gridavano "secchia!", ci facevano scherzi ecc... una volta mia mamma mi aveva mandato a un corso di punto croce solo per farmi socializzare con le compagne, ma mi ha detto che io invece di chiacchierare mi impegnavo moltissimo nel punto croce!
Io non so se questo sia stato a causa del fatto che non ero andata al nido...
Ma comunque le elementari e le medie non mi hanno lasciato un bel segno, e ancora meno a mia sorella! è stata vittima di bullismo (femminile, quasi peggiore di quello dei maschi) in quinta elementare e in prima media, tanto che i miei le hanno cambiato scuola e l'hanno mandata in una scuola privata! lì è andata meglio, non so perchè...
Quello che più mi colpisce ora, pensandoci, è il comportamento delle maestre e dei professori: eravamo noi quelle "sbagliate", dicevano sempre ai nostri genitori che così non andava bene, a volte ci rimproveravano davanti a tutta la classe perchè eravamo troppo timide! un'umiliazione....
Tutto questo mi ha spinto a leggere con interesse il topic... chissà, se ipoteticamente fossimo state a casa tutto questo sarebbe stato diverso (mia sorella risente ancora oggi, in alcuni comportamenti, del bullismo della prima media!).. ma forse invece lo stare a casa avrebbe peggiorato le cose, facendoci chiudere ancora di più?

A parte queste considerazioni, anche se quando sarà manderò a scuola i miei figli, credo che starò attentissima a queste cose, e spero di riuscire anche ad attuare alcuni dei "trucchi" di Elly tipo gite, lavoretti, pasticci in cucina ecc... per compensare a casa quello che non avranno dalla scuola! :)
avatar
Eowyn

Numero di messaggi : 3316
Età : 30
Località : Trento
Data d'iscrizione : 05.12.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da Ellyy il Mer Mar 23, 2011 7:04 pm

Allora, i miei figli sono tutti piuttosto piccoli (dai 6 ai 2 anni e mezzo) ma, per ora, pur con caratteri diversissimi tra loro, nessuno di essi ha problemi di socializzazione. C'è la timida, la spavalda, la "caciarona"... ma, ogni volta che si trovano -anche senza di noi- in contesti sociali come una festa di compleanno, un corso sportivo, una sagra in cui poter interagire con altri bimbi... si buttano senza riserve, e riescono subito ad integrarsi senza difficoltà. Poi, appunto, ognuno a modo proprio: per cui, magari, una sta in disparte ad osservare per 10 minuti, e poi entra in gioco e non vorrebbe smettere più; l'altro parte subito, chiamando "amico" un bambino visto appena 5 minuti... Quando le tre bimbe entrano nello spogliatoio della palestra in cui fanno danza, arrivano sempre tante bambine che le salutano con entusiasmo, le prendono per mano.... e così pure loro... Insomma, al momento va così.
Poi, in generale, ci sono molti studi (soprattutto britannici ed americani) che -osservando vari home-schoolers ormai adulti- hanno riscontrato moltissimi lati positivi, tra cui una maggior resa universitaria e poi lavorativa, maggior cultura, più sicurezza in se stessi e facilità nell'instaurare relazioni positive a livello umano...
Ho parecchio materiale al riguardo. Se vi interessa, posso cercare alcuni stralci e postarli.

Un altro punto su cui poter riflettere: la scuola -intesa come la si vive oggi, quindi essenzialmente come "un servizio" è una invenzione relativamente recente (circa 150 anni fa). Ma pensiamo a quante grandi menti, a quanti genii, a quanti illustri letterati, pensatori, artisti, poeti, non sono mai andati a scuola. Dante, Leopardi, Leonardo, Michelangelo, Shakespeare, per dirne solo alcuni....!
avatar
Ellyy

Numero di messaggi : 2159
Età : 39
Località : Cento (FE)
Data d'iscrizione : 31.01.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Home-schooling

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum