La paura del parto

Pagina 1 di 8 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La paura del parto

Messaggio Da pippi_ci il Ven Gen 28, 2011 11:06 am

Luna nuova ha scritto: ...ho fatto il cesareo perchè mia figlia era podalica, ma lo avrei fatto in ogni caso, perchè ritengo che se ci sono delle fobie che escono fuori all'8 mese di gravidanza è impossibile fare in tempo ad andare da uno psicologo per cercare di risolverle. In secondo luogo ritengo che sia una grande risorsa in tantissimi parti poco fortunati, e negarlo a priori non lo ritengo giusto.
Se anni fa a mia madre lo avessero fatto, io probabilmente non sarei figlia unica. E su questo mi fermo, sennò mi vengono le lacrime e sono al lavoro e non posso sfogarmi. MIa madre è stata fantastica non mi ha mai influenzato, solo quando le ho detto che avrei fatto il cesareo mi ha appoggiato e mi ha detto "avessi potuto farlo anch'io..."

Parto (scusate il doppio senso... ) da questa riflessione di Luna Nuova, nella quale mi ci sono ritrovata molto. Anche io, se mia madre avesse avuto un parto diverso con ogni probabilità a quest'ora avrei almeno un fratello.
Il racconto che mia mamma mi ha fatto del suo parto non è mai stato particolarmente cruento. Non si dilatava e quindi dopo sole 36 ore di travaglio, a seguito di sofferenza fetale, le hanno praticato un cesaro d'urgenza, a seguito del quale ha dormito per quasi 2 giorni (causa anestesia sbagliata nelle dosi) e non le è mai arrivata la montata lattea, nonostante i ripetuti tentativi di ataccarmi al seno (d'altronde direi che i primi 2 giorni senza la mamma sono un'eternità).
Ora premesso che, sarò terra terra, mi pare una roba da medioevo permettere ad una donna 36 ore in travaglio, ma mi dico: erano altri tempi. Poi leggo il racconto di Bluce e mi dico che il medioevo c'è anche oggi. Perchè, diciamocelo, ad una donna che ha paura del parto puoi raccontare finchè vuoi storie di parti veloci e andati bene, ma lei ricorderà solo le storie di quelli andati male.
Da tempo sto cercando di togliermi, assieme alla mia psicologa, una serie di sassolini nella scarpa. E tra questi c'è anche la paura del parto. Stiamo cercando di sviscerare questo timore (o terrore...?) che mi prende lo stomaco come in una morsa ogni volta che ci penso, dovuto probabilmente in parte al mio bisogno sfrenato di dover controllare tutto, e il parto non è propriamente il momento ideale per riuscirci e, dall'altro, dalla mia indole un po' pessimista, che mi porta a pensare che, di certo, con il c**o che ho, a me toccheranno 40 ore di travaglio.

Temo, purtroppo che questa paura possa condizionarmi fortemente nel momento in cui decideremo di avere un figlio, rischiando di farmi vivere la gravidanza come un incubo, o addirittura condizionando la mia scelta di averne o no, di figli. :roll:

Cosa mi dite fertiline? I love you
avatar
pippi_ci

Numero di messaggi : 3292
Età : 34
Data d'iscrizione : 03.12.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da ranavalentina il Ven Gen 28, 2011 11:11 am

Pippina perchè non ti leggi, se ne hai voglia, "venire al mondo e dare alla luce"? Conoscendo il tuo senso pratico forse la prima parte potrebbe risultarti un po' estranea perchè è una specie di racconto del parto in prima persona da parte del bambino, che in alcuni punti può sembrare un po'slegato dalla realtà, ma per me è stata davvero una lettura utile, magari ti potrebbe aiutare a vedere il parto da un altro punto di vista
Ma forse ti saranno più utili le parole di chi ci è già passata
avatar
ranavalentina

Numero di messaggi : 4585
Età : 34
Località : Liguria/Lombardia
Data d'iscrizione : 27.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da soleluna il Ven Gen 28, 2011 11:26 am

Io ti dico che ti quoto alla grandissima Pippina! I love you Anche io ho il terrore del parto, e dirò non per forza dovuta ai racconti di altre donne, ma più semplicemente per una paura mia personale, uno stato d'ansia e attacchi di panico che di tanto in tanto mi accompagnano, e una soglia del dolore molto bassa. Queste cose messe insieme non mi fanno avvicinare in modo tranquillo alla gravidanza. A volte penso che è meglio che questo "passaggio" non faccia parte della mia vita, altre volte penso che le mie paure non devono prendere il sopravvento. Spero che la magia che si vive in quei momenti mi faccia passare l'angoscia e mi spinga a vivere il parto più serenamente. I love you
avatar
soleluna

Numero di messaggi : 1371
Età : 32
Data d'iscrizione : 20.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da Eowyn il Ven Gen 28, 2011 11:38 am

Anch'io per certi versi mi sento vicina a pippi e a soleluna... ho una soglia del dolore bassissima, il terrore di aghi e punture ecc... a pensarci, soprattutto qualche anno fa, mi prendeva un terrore assurdo..
però ora più che paura del parto ho diciamo "paura di avere paura" quando sarà il momento (quante pare, eh?)
da qualche anno ho maturato un desiderio grandissimo di avere figli un giorno... I love you (sempre quando sarà il momento, ovviamente) e credo, e spero, che questo mi farà vincere le mie paure. Sono convinta che la gravidanza farà una specie di magia su di me, dandomi la forza! e questo mi dà molta serenità! Spero davvero tanto di non ricredermi... :)
avatar
Eowyn

Numero di messaggi : 3310
Età : 30
Località : Trento
Data d'iscrizione : 05.12.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da greenhope il Ven Gen 28, 2011 12:12 pm

Interessante questo topic.

Mi avvicino alla data fatidica e quindi dico la mia: da piccola credevo che il parto fosse una sofferenza atroce. Non mi ricordo bene ma devo aver sentito i racconti di qualcuno...
Mia mamma ha avuto due parti tranquilli, a sentire lei neppure si accorse delle contrazione e le credo visto che anche mia sorella ha avuto un parto simile: veloce e poco doloroso. Spero sia una cosa di famiglia

Mia suocera invece credo sia rimasta traumatizzata dal parto del mio ragazzo perché me l'ha raccontato un paio di volte e si vede che ha sofferto. Le hanno fatto la manovra di kristeller e non l'ha presa tanto bene.

Io sono una fifona: non sono abituata al dolore. Mai avuto cicli mestruali doloroso, ho il terrore del dentista e una soglia del dolore molto bassa. Detto questo però non capisco le donne che farebbero volentieri un cesareo invece che un parto naturale.
Io non sono mai stata operata e l'idea di farmi aprire, richiudere e avere una ferita profondissima da rimarginare che duole ad ogni contrazione dell'utero (perché da che so io col cesareo le contrazioni le hai comunque dopo) per giorni e giorni... be' quello mi spaventa più di un parto vaginale.
Penso che in fondo è questione di un giorno e se la natura ha previsto un canale apposito per far uscire il bambino quella sarà la via migliore.
Ho prenotato la visita con l'anestesista per fare l'epidurale. Se il dolore sarà così forte tenterò questa via ma farmi aprire proprio no.

Ho visto moltissime donne in piedi poche ore dopo aver partorito mentre tutte quelle che avevano fatto il cesareo dopo due giorni erano ancora rantolanti nel letto. Non so se ne vale la pena...
avatar
greenhope

Numero di messaggi : 2193
Età : 39
Data d'iscrizione : 01.05.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da Eowyn il Ven Gen 28, 2011 12:18 pm

Detto questo però non capisco le donne che farebbero volentieri un cesareo invece che un parto naturale.
Io non sono mai stata operata e l'idea di farmi aprire, richiudere e avere una ferita profondissima da rimarginare che duole ad ogni contrazione dell'utero (perché da che so io col cesareo le contrazioni le hai comunque dopo) per giorni e giorni... be' quello mi spaventa più di un parto vaginale.

ecco, volevo dire anche questo! il mio terrore degli aghi e delle operazioni mi porta in direzione opposta rispetto a volere il cesareo, a meno che non sia strettamente necessario! ti dirò, io ho così fobia delle punture che anche l'epidurale mi terrorizza più del dolore del parto...
avatar
Eowyn

Numero di messaggi : 3310
Età : 30
Località : Trento
Data d'iscrizione : 05.12.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da ranavalentina il Ven Gen 28, 2011 12:32 pm

Anche me decisamente! Il pensiero di farmi infilare un ago nella schiena mi fa venire i brividi!!
avatar
ranavalentina

Numero di messaggi : 4585
Età : 34
Località : Liguria/Lombardia
Data d'iscrizione : 27.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da pippi_ci il Ven Gen 28, 2011 1:28 pm

scusate la visione cruda, ma a me è il pensiero di farmi infilare un ago (in caso di lacerazioni, più o meno naturali) nella mia povera pippina che mi fa venire i brividi... :roll:
avatar
pippi_ci

Numero di messaggi : 3292
Età : 34
Data d'iscrizione : 03.12.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da mononoke il Ven Gen 28, 2011 4:06 pm

pippiiii
scusa se non ti rispondo (e figurati se mi esimo ) ma sono di corsa ...
però guarda che la storia che la pippina si sfascia in mille pezzi non è mica scontata ...
leggi qua http://www.lostetricainforma.it/article10.html
la pippina è ben dotata e con grande capacità di estensione
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da Elisabetta il Ven Gen 28, 2011 5:14 pm

anch'io ho sempre pensato al parto con terrore! e così è stato anche per molta parte della gravidanza!
poi il corso preparto, voi e la voglia di vedere il cucciolo sono stati un incoraggiamento a sconfiggere questa paura
poi le prime contrazioni... i primi malesseri che ricordo molto peggio del parto!
mi sono trovata in sala parto, avevo un'adrenalina dentro che non ho nemmeno sentito il piccolo taglio dell'episotomia..
no ragazze non vivetelo così è un momento doloroso ma come dico io è un dolore che ti porta ad una gioria incredibile
mi vengono i brividi a ripensarci mentre vi scrivo!!!
avatar
Elisabetta

Numero di messaggi : 977
Età : 37
Data d'iscrizione : 05.02.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da ranavalentina il Ven Gen 28, 2011 8:49 pm

Sì pippi anche a me non prende bene il pensiero dell'episiotomia..ma credo che non piacerebbe a nessuna.. però io spero che non sia necessaria, in ondo la maggior parte delle donne partoriscono in modo naturale e senza traumatismi, perchè io dovrei finire nella minoranza sfigata? E' un momento così bello e importante che voglio immaginarlo in positivo
avatar
ranavalentina

Numero di messaggi : 4585
Età : 34
Località : Liguria/Lombardia
Data d'iscrizione : 27.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da Martinamarina il Ven Gen 28, 2011 9:35 pm

io avevo il terrore dell'episiotomia
così mi sono preparata per tempo, ho fatto i vapori al perineo con l'infuso di tiglio e gli esercizi per "allenarlo", poi mi hanno consigliato di fare anche dei massaggi, ma non li ho fatti, mi dava fastidio..insomma il risultato è stato che mi sono fatta solo un graffietto, per fortuna...anche se in casa l'episio non la fanno, però in caso di lacerazioni ti ricuciono, e avevo il terrore anche di quello..
avatar
Martinamarina

Numero di messaggi : 826
Età : 26
Data d'iscrizione : 30.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da Minerva il Sab Gen 29, 2011 7:19 am

Paura del dolore ce l'ho, ma mi sforzo di pensare che tantissime mamme nel mondo hanno affrontato e superato questa prova del tutto naturale... mi sforzo di pensare che per ogni persona nel mondo c'è stata una donna che ha partorito... :roll:
Però solo a leggere di tagli e lacerazioni mi vengono i brividi... e la paura principale è che mi si rovini tutto là sotto, di non tornare più come prima... :oops:
Solo una volta ho visto una ragazza che aveva partorito da pochi giorni, di parto naturale... putroppo quest'unica testimonianza non è stata affatto incoraggiante, era molto provata.
Quindi sì, la situazione è questa: paura alle stelle con ripetizione a mantra "ce la fanno tutte, in un modo o nell'altro si supera, ce la fanno tutte, in un modo o nell'altro si supera..."
avatar
Minerva

Numero di messaggi : 1937
Età : 35
Data d'iscrizione : 25.04.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da piccolo principe il Sab Gen 29, 2011 10:07 am

sono due giorni che penso anch'io alla gravidanza ma soprattutto al parto...poi dopo la testimonianza della povera bluce...bè No credo sia impossibile rimanere indifferenti...comunque anche io ho sentito molti racconti di ragazze traumatizzate dal parto...mia madre stessa non mi ha mai raccontato nulla, niente di come sono nata, di come è stato...e non so perchè... ho tanta paura del dolore, delle conseguenze fisiche (io tengo molto al mio corpo, e ogni cambiamento mi sconvolge!)...anch'io come minerva ho paura che i danni saranno irreparabili, e che non potrò mai più avere rapporti felici con mio marito...insomma, una serie di sentimenti ti frullano in testa...ma sono irrazionali secondo me ...ogni donna, se adeguatamente sostenuta dopo il parto, recupera la sua vita e il suo corpo...la natura fa le cose per bene... o almeno spero... :roll:
avatar
piccolo principe

Numero di messaggi : 490
Età : 34
Località : liguria
Data d'iscrizione : 28.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da Luna nuova il Sab Gen 29, 2011 3:52 pm

pippi_ci ha scritto:scusate la visione cruda, ma a me è il pensiero di farmi infilare un ago (in caso di lacerazioni, più o meno naturali) nella mia povera pippina che mi fa venire i brividi... :roll:

Tu mi hai quotato, e io t'ari-quoto su questo!!! Cool
A me il solo pensiero mi faceva morire. Giuro che non sono "frescona", il dolore lo reggo bene, non sono neanche impressionabile, chi mi conosce lo sa per certo. Ma quella cosa, proprio non l'accettavo. POi magari non mi sarebbe neanche capitata, ma non ero disposta a considerare la possibilità! Non ci dormivo la notte.
La cosa incredibile è che questa mia fobia è uscita fuori quando ormai ero quasi alla resa dei conti! Ero di 8 mesi, bella piena come una mela, e un bel giorno ho completamente perso la brocca
A volte alle fobie non si trova nemmeno una motivazione.
Il mio atteggiamento però è stato quello di provare ad aggirare l'ostacolo anzichè risolverlo (non c'era quasi più tempo per affrontare tutto ciò con uno psicologo): un comportamento discutibile, ma efficace.
Ora a posteriori lo dico, è stato il parto ideale x me, ma sottolineo x me.
Ho avuto il kulo di trovare un chirurgo con le mani d'oro che mi ha fatto un taglietto ridicolo di soli 10 punti con la nuova tecnica stark. Santo subito! Quando mi hanno dimesso andavo come un treno.
Ma per par condicio devo aggiungere che invece una mia amica ha un pò patito, dopo il taglio (soprattutto i 3 giorni dopo).
Forse ci devono essere davvero motivazioni psicologiche molto forti x arrivare a un cesareo.
:roll:
Comunque, torno a ripetere, meno male che esiste!!!
avatar
Luna nuova

Numero di messaggi : 1712
Data d'iscrizione : 09.12.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da Valesax il Dom Gen 30, 2011 2:29 pm

Pippi, capisco e bene!!!

Rabbrividisco al pensiero del parto!!! Ammetto di non guardare MAI programmi come reparto maternità e simili... Mi viene letteralmente la nausea solo a pensare di partorire cosa che non comprendo a pieno dato che una soglia del dolore molto alta (ho resistito ad un ictus che ti procura un mal di testa che non posso nemmeno descrivere, e faccio le carie dal dentista amente serena a meno che non siano dei cavernoni)...
Non ti so dire come affronterò la cosa quando sarà il momento ma... NON MI FARO' MANCARE le informazioni su tutto: parti alternativi (acqua, palla etc...), cesareo e epidurale! E per adesso non mi metto nenache a pensare a cosa sceglierò, farò come faccio sempre una scelta, quella che mi sembrerà la migliore!!! E STOP!
Cmq ti capisco!!

P.S. da quello che mi dice un'amica che fa l'ostetrica, pare che la procedura dell'episiotomia sia davvero quasi eliminata nell'ospedale dove lavora lei, mentre in altri è molto usata, ma dice che dipende dalla chiusura mentale del ginecologo!!!
Voi avete altre notizie in merito?!?!?...
avatar
Valesax

Numero di messaggi : 2239
Età : 37
Località : Brescia
Data d'iscrizione : 22.07.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.valentinasuardi.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da ranavalentina il Dom Gen 30, 2011 2:43 pm

Dipende molto dall'ospedale, dal ginecologo, dal parto. Ci sono molte donne che a metà travaglio si mettono a urlare che vogliono l'anestesia, (quando non è più possibile effettuarla), che non possono sopportare oltre e che non vogliono andare avanti.. allora in questi casi a volte si decide per abbreviare le cose di fare l'episio o varie altre manovre..o almeno questo ho visto io quando ho fatto delle notti in ginecologia, che spesso si decide un po'in funzione del parto e del disagio della mamma..
Comunque secondo me le mamme che arrivano più preparate, cioè che sanno cosa le aspetta, le varie fasi, le tecniche di rilassamento ecc di solito si spaventano meno e affrontano il tutto con più serenità..
avatar
ranavalentina

Numero di messaggi : 4585
Età : 34
Località : Liguria/Lombardia
Data d'iscrizione : 27.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da mononoke il Gio Feb 03, 2011 11:41 pm

stasera ci pensavo ....
le paure sono personali e sacrosante e ciascuno penso possa decidere liberamente cosa farsene, quindi troverei odioso venire qui a dire che il parto è una cosa bella di cui non avere paura.
anche perchè un po' di paura immagino sia fisiologica.
quindi fino ad ora ho pensato di non scrivere, perchè per me il parto è stato proprio così (cioè bello) e mi dicevo che forse non avevo molto da dire.
però ripensandoci credo che buona parte dei problemi che le donne si trovano ad affrontare siano indotti.
per fare un parallelo, si ripete sempre che la contraccezione naturale è rischiosa e finchè una non fa un passo in direzione (mi viene da dire ostinata e contraria ) alternativa finisce per crederci.
per il parto è un po' la stessa cosa. oltre alla predisposizione personale, al vissuto .. tutte cose che non voglio mettere in discussione .. penso ci sia molto di cultura ... tutti a dirci che il parto è tremendo e teribbbile e che siamo condannate ad averlo così.
questo accresce la paura.
allora penso che una cosa bella da fare, per chi si sente, sarebbe leggersi dei racconti di parti bellli, felici, per capire se è di quello che si ha paura, o di altro, delle macellerie che ci raccontano quotidianamente. perchè secondo me la distinzione va fatta.
se la paura è dell'episiotomia allora non è paura del parto, è paura del parto operativo ... e te credo!
ripensavo al mio secondo parto, alla notte di contrazioni in cui eravamo soli, io e il mio compagno nel buio, io carponi sui cuscini che lo stringevo durante la contrazione, ne seguivo l'andamento con la schiena, certo faceva male, per carità, ma poi nelle pause mi invadeva un'eccitazione, un benessere, indescrivibili, mi sentivo in estasi, lo baciavo ed abbracciavo, avrei fatto sesso volentieri fossero durate di più le pause tongue
la natura non ha fatto le cose male, i meccanismi di compensazione sono perfetti, e non solo rendono la cosa sopportabile, ma lasciano anche un senso di benessere, soddisfazione, contatto con se stesse, unici.
oltretutto io ho avuto un bimbo normopeso (malgrado io sia molto minuta) e nato con arto associato (in pratica uscito con mano e braccio sulla faccia) e malgrado questo ho avuto solo una piccolissima lacerazione che abbiamo deciso di non suturare ed è andata a posto da sola perfettamente (già dopo qualche mese non si vedeva e sentiva più niente), questo per dire che anche le lacerazioni non sono una condanna.
boh, sono solo idee sparse, un punto di vista, spero di non essere inopportuna, sabato tralatro ci sarà una conferenza qui a genova proprio sul dolore del parto, organizzata da una mia amica, il cui sottotitolo è: 'Tu donna, partorirai con dolore' .. un percorso dalla condanna alla risorsa ...., quindi magari ne tornerò con spunti migliori.
nel frattempo vi volevo fare leggere questa 'intervista' ad una mamma che esordisce proprio parlando della sua paura del parto e finisce con una frase bellissima: una donna che partorisce non ha più paura di nulla, è pura forza creatrice.
http://www.mammole.it/blogmamma/gocce-di-mamma-3/
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da dipkick il Ven Feb 04, 2011 1:08 am

Mono
avatar
dipkick

Numero di messaggi : 2088
Età : 34
Località : Perth-Australia
Data d'iscrizione : 24.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da Minerva il Ven Feb 04, 2011 7:39 am

Che bell'intervento Mononoke, grazie I love you
Sai, forse hai proprio ragione nel paragone con la contraccezione naturale

Sarebbe interessante un confronto fra donne di culture diverse rispetto alla paura del parto... qualcuna ha informazioni in merito? Tipo libri o conoscenze personali?
avatar
Minerva

Numero di messaggi : 1937
Età : 35
Data d'iscrizione : 25.04.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da LucyintheSky il Ven Feb 04, 2011 8:24 am

Monok, parole stupende! I love you
avatar
LucyintheSky

Numero di messaggi : 7892
Età : 35
Data d'iscrizione : 29.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da Luna nuova il Ven Feb 04, 2011 1:51 pm

Boh, che vi devo dire, a me le Mammole non convincono molto!! Suspect
Alcuni racconti li trovo veri e propri deliri di onnipotenza..... li leggevo già da prima ma mi lasciavano moooolto perplessa.
Tutto sommato penso che a cose fatte può anche succedere di idealizzare ogni momento del parto, questo ci può stare . Ma qualcuna non rischia di esserne fuorviata? Cioè, tutto così new age.....
Magari filasse sempre tutto liscio come l'olio. Questa eterna storia della "leonessa in sala parto", il dolore che si sopporta perchè è fisiologico , etc etc... è tutto molto scenico e anche romantico ma mi ha sempre lasciato un pò scettica. Sembra che sia una dimostrazione di forza , quasi voler dimostrare agli occhi del compagno e al mondo quanto si vale. Io non volevo/dovevo dimostrare niente a nessuno.
Comunque tornando al discorso iniziale, penso che una paura vaga, durante la gravidanza, si possa trasformare nella fobia x qualcosa di più specifico, per es nel mio caso dell'episio o lacerazioni spontanee, quasi come se si volesse dare un nome e una collocazione a una paura che altrimenti resterebbe "nel vago", forse un modo per affrontarla.
Che ne dite?
(sul resto della faccenda però continuo a restare delle mie idee, pur leggendo volentieri esperienze diverse dalla mia)
avatar
Luna nuova

Numero di messaggi : 1712
Data d'iscrizione : 09.12.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da pippi_ci il Ven Feb 04, 2011 2:40 pm

Mononoke, il tuo intervento è molto bello.

mononoke ha scritto:allora penso che una cosa bella da fare, per chi si sente, sarebbe leggersi dei racconti di parti bellli, felici, per capire se è di quello che si ha paura, o di altro, delle macellerie che ci raccontano quotidianamente. perchè secondo me la distinzione va fatta.
se la paura è dell'episiotomia allora non è paura del parto, è paura del parto operativo ... e te credo!

Certo che quello che temo di più sono le macellerie. Il dolore in se mi fa paura fino ad un certo punto... quello passa. E' il non controllabile da me che mi fa paura. E ripeto che è molto più facile pensare al peggio, piuttosto che al meglio.. almeno io sono così. Non sono i due punti là sotto che mi fanno paura, ma le robe più disastrose. La ragazza che sostituivo nel posto di lavoro precedente l'hanno ricucita come un sacco... 40 punti! E' stata stesa per un mese... per non parlare del dolore della ricucitura e tutte le volte che penso al suo racconto, che nonostante tutto è stato scarno di paricolari, mi viene il volta stomaco. E non è la prima che sento... :roll:
Ma il parto opertivo per me è tutt'uno con il parto... non riesco a vedere la distinzione... :roll:
avatar
pippi_ci

Numero di messaggi : 3292
Età : 34
Data d'iscrizione : 03.12.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da mononoke il Ven Feb 04, 2011 7:06 pm

Luna nuova ha scritto:Boh, che vi devo dire, a me le Mammole non convincono molto!! Suspect
Alcuni racconti li trovo veri e propri deliri di onnipotenza..... li leggevo già da prima ma mi lasciavano moooolto perplessa.
Tutto sommato penso che a cose fatte può anche succedere di idealizzare ogni momento del parto, questo ci può stare . Ma qualcuna non rischia di esserne fuorviata? Cioè, tutto così new age.....
Magari filasse sempre tutto liscio come l'olio. Questa eterna storia della "leonessa in sala parto", il dolore che si sopporta perchè è fisiologico , etc etc... è tutto molto scenico e anche romantico ma mi ha sempre lasciato un pò scettica. Sembra che sia una dimostrazione di forza , quasi voler dimostrare agli occhi del compagno e al mondo quanto si vale. Io non volevo/dovevo dimostrare niente a nessuno.

le mammole confesso che non le conosco eh, non volevo 'girare' nessuno verso quel sito perchè non ne so niente, ho letto solo questa intervista perchè me l'ha segnalata la mamma stessa.

vorrei però contraddirti sulla dimostrazione di forza ... io penso che sia tristissima questa idea della 'brava' partoriente, che sopporta e dimostra quanto vale ... santo cielo! già le donne devono dimostrare sempre qualcosa, che si lasci stare almeno il parto!
la fatica del parto è fisiologica perchè lo è. punto. questo non lo dico io perchè sono new age, lo dice il modo in cui ci siamo evoluti come specie e lo dice chiunque si sia avvicinato all'argomento. io l'ho solo sperimentato sulla mia pelle: non sono stata brava, semplicemente la cosa era alla mia portata ed è stata una bellissima esperienza (anche perchè in certe fasi si rilasciano certe scariche di endorfine che manco le migliori droghe ) . ed un parto così è qualcosa che una donna si merita, non che deve al mondo o al proprio compagno, ci mancherebbe altro, scusate!
credo che sia fuorviante il contrario, e cioè raccontare sempre solo di parti andati male, di rischi e dell'incapacità presunta delle donne (uniche mammifere in natura!!!) di dare alla luce le proprie creature.
e non c'entra niente la dimostrazione di forza anche perchè il parto è esattamente il contrario: non è sopportare, sforzare, vincere, è lasciare andare, accompagnare, non controllare ...
avatar
mononoke

Numero di messaggi : 1468
Età : 38
Data d'iscrizione : 16.06.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da betty il Sab Feb 05, 2011 10:23 am

io resto dalla parte delle ragazze come pippi o altre con una sana paura, poi quando m capitano cose come andare a trovare un'amica il giorno dop il parto, parto naturale andato bene, ce mi dicie "tutto bene è la cosa più bella che ho fatto in vita mia, ma a te meglio che non ti racconto i dettagli dei momenti" ecco capirete che la situazione peggiora ancora :P però a volte ci penso e conto su madre matura che insomma avrà calcolato anche quel momento li :roll:
avatar
betty

Numero di messaggi : 1738
Età : 40
Data d'iscrizione : 18.01.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La paura del parto

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 8 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum